Camper abusivi? Le Forze dell’Ordine controllino!

0
108

Due ciabatte fuori dal camper, la bicicletta parcheggiata davanti alla porta, gli oblò del tetto aperti così come le finestre sul lato: è evidente che sul camper ci viva qualcuno. Eppure il parcheggio pubblico destinato alle auto lungo via Peruzzi non è un’area di sosta. Nonostante ci sia la sede della Polizia Municipale proprio di fronte, i camper sono una decina e almeno due quelli che non sono semplicemente parcheggiati. A distanza di più una settimana da quando sono stati notati, sono ancora lì, negli stalli bianchi e, in base alle prime informazioni, nessuno sa chi ci viva.
Nel caso in cui siano vacanzieri, occorre informarli che c’è un’area di sosta, dedicata a chi arriva in camper per visitare la nostra città, all’interno del Piazzale delle Piscine: è dotata di acqua potabile, pozzetto di scarico acque grigie, colonna per scarico cassette estraibili e isola ecologica differenziata per i rifiuti solidi.
Se non si tratta di turisti, a maggior ragione non possono vivere lì. In qualsiasi caso, occorre che venga predisposto un controllo da parte delle Forze dell’Ordine. La Polizia Municipale è la più vicina trovandosi proprio di fronte al parcheggio e può verificare la situazione. Così come sarebbe opportuno effettuare un controllo nel parcheggio che si trova al di là del Palazzetto dello Sport dove sosta un’infilata di camper. Si trovano proprio di fronte alla microarea destinata ai sinti e situata dietro la vecchia piscina comunale: i camper sono abitati e ci sono strutture fisse che indicano il fatto che non siano solo di passaggio. Il presidio del territorio è fondamentale per evitare spiacevoli situazioni di degrado che vengono segnalate anche nella nostra città: nei dovuti modi, è un segno di senso civico che contraddistingue coloro che hanno a cuore il luogo in cui vivono. Non è necessario buttarla sempre in bagarre politica.
Sara Gelli

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here