Un percorso sulla biodiversità

0
150

Mentre si è aperta a Parigi la conferenza sul clima, al Borgogioioso di Carpi inaugura, venerdì 4 dicembre, la mostra fotografica dell’Oasi La Francesa: un percorso naturalistico con spettacolari immagini di uccelli, piante, rettili, anfibi e insetti quasi tutte scattate dai fotografi dell'Oasi del WWF che si trova nell’area naturalistica di Fossoli. La mostra, che rimarrà nella galleria del centro commerciale fino al 6 gennaio 2016, vuole sensibilizzare sulla necessità di tutelare la natura e la biodiversità degli ecosistemi più vicini a noi, di cui l’Oasi del WWF è un esempio, dalle pressioni ambientali e dai cambiamenti climatici le cui cause vanno ricercate più che in fattori naturali nei comportamenti dell’uomo.
L’attenzione verso l’ambiente da parte del centro commerciale di Carpi si esprime in una serie di buone pratiche adottate nel corso degli anni, che vanno dall’uso di luci led all’utilizzo stop and go delle scale mobili oltre che alla raccolta differenziata dei rifiuti, ma anche attraverso l’ospitalità degli eventi organizzati dai volontari dell’Oasi La Francesa, che per il decimo anno saranno presenti durante il periodo natalizio per ricordare che la Terra è l’unico pianeta in cui possiamo vivere ed è necessario averne cura a partire da piccoli gesti quotidiani, come recita la campagna che accompagna la COP 21 “non abbiamo un pianeta B”. Non è più una questione di eredità da lasciare ma di presente da preservare cambiando piuttosto rapidamente abitudini consolidate.  
L’Oasi La Francesa è stata costituita nel 2004 in accordo con il WWF Italia ed è gestita dall’Associazione Panda Carpi. L’area denominata la Francesa è un’oasi naturalistica-didattica che si estende su una superficie di 23 ettari, con oltre 12.000 piante messe a dimora dalla Provincia di Modena, un prato umido/stagno dove tutte le specie animali tipiche della pianura padana trovano un habitat ideale. Ogni anno richiama molti visitatori, specie scolaresche, che vengono accompagnate durante la visita e l’attività di bird watching dai volontari.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here