Arrestati tre tunisini per furto aggravato

0
119

Una Volante del  commissariato di P.S. di Carpi nella notte del 6 marzo, è stata allertata perché erano state segnalate delle persone che si aggiravano intorno ad alcuni negozi chiusi. Dopo aver pattugliato le strade cittadine, verso le 3.00,  in via Abramo Lincoln i poliziotti hanno notato tre uomini nelle vicinanze di un esercizio di rivendita di generi alimentari automatizzato in via Ugo da Carpi, denominato Open 24. I tre avevano delle borse contenenti, a loro dire, generi alimentari che avevano comprato precedentemente in un esercizio commerciale di cui non ricordavano il nome. Vista la loro resistenza a mostrare il contenuto delle borse, gli operatori hanno proceduto a un controllo più accurato accertando che, oltre ai generi alimentari, vi erano diversi involucri in cellophane contenenti monete di vario taglio per un ammontare complessivo di circa 160 euro.
Ipotizzando un furto perpetrato ai danni di un esercizio, gli All’Open 24 i poliziotti hanno constatato oltre a un ammanco di generi all’interno dei distributori compatibile con i prodotti trovati in possesso dei due individui, anche il danneggiamento, l’effrazione, lo svuotamento delle gettoniere delle macchine distributrici e la manomissione della telecamera di videosorveglianza posizionata fuori campo. I due tunisini O. W., nato il 20.11.1992 a Kairouan e K. M. nato il 21.05.1992 a Tunisi sono stati arrestati in flagranza per i reati di furto in concorso aggravato dalla violenza sulle cose esposte alla pubblica fede, e sono stati accompagnati nelle camere di sicurezza del Commissariato.
Il terzo, H. M. nato il 27.02.1995 a Mahdia (TUNISIA) inizialmente sfuggito alla cattura, è stato sorpreso poco dopo all’interno della propria abitazione, dove è stata rinvenuta la parte di refurtiva mancante. Anche lui è stato arrestato.
Tutti e tre gli autori del furto  sono  regolari sul territorio nazionale e cioè in possesso di permesso di soggiorno, benché gravati da numerosi precedenti di polizia e penali per reati contro il patrimonio.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here