Assolto don Andrea Wiska

0
846

Si è svolta questa mattina presso il Tribunale di Modena l’udienza del processo riguardante la canonica di San Martino Secchia. I fatti risalgono alla primavera 2010 quando la canonica venne demolita e ricostruita; per una articolata questione edilizia, ci fu una segnalazione alle Autorità di Vigilanza.
“Il giudice – spiega l’avvocato della Diocesi Giuseppe Girani – ha dichiarato di non dover procedere per intervenuta sanatoria dell’abuso edilizio contestato. L’attività e il bene erano conformi allo strumento urbanistico. Ho depositato il certificato di conformità edilizia e di agibilità del manufatto sanato che è l’atto ultimo e definitivo del procedimento di sanatoria. Inoltre avevamo il parere favorevole della Sovrintendenza per il punto di vista paesaggistico. Ricordo che l’edificio è stato ricostruito nel rispetto della sagoma storica con l’autorizzazione della stessa Sovrintendenza. Don Andrea era con me in Tribunale e naturalmente ha accolto con gioia la decisione del giudice”.
“Sono chiaramente contento che, finalmente, sia tutto finito – commenta don Wiska . E’ emerso che non c’era nessuna responsabilità mia, della Diocesi e dei frati di San Martino Secchia. Tutti, finalmente, possiamo essere tranquilli, ma ora che è tutto finito posso dire che, emotivamente, sono stati quattro anni e mezzo faticosi da reggere. Quando sai di non avere colpe, di non aver commesso nessun reato, anche una giornata diventa lunga. Adesso, finalmente, sono più leggero. Ringrazio il Vescovo che mi è sempre stato accanto e naturalmente l’avvocato Gerani per l’ottimo lavoro svolto e per la serenità e la fiducia che ha saputo trasmettermi”.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here