Cittadini protagonisti

0
33

Made in Carpi – SOS idee e progetti per la tua città: questo il nome del laboratorio di idee che Italia Futura Modena e il comitato carpigiano di Fare per Fermare il Declino hanno presentato sabato scorso al Caffè 39 di Piazza Garibaldi. “L’iniziativa civica rivolta alla cittadinanza – spiega l’avvocato Massimiliano Mariani, tra gli animatori del progetto – nasce con la volontà di offrire a chiunque un facile strumento di partecipazione attiva a progetti e idee per la città. Da più parti infatti, anche di recente, si è lamentata l’assenza di un coinvolgimento nelle scelte dell’Amministrazione, ad avviso di molti, sempre più lontana dai cittadini. Quale migliore occasione allora, alla vigilia di una campagna elettorale, per aprire un vasto confronto sul futuro della città?”. In poche parole, i promotori dell’iniziativa invitano chiunque fosse interessato a dire la sua sulla città, proponendo progetti e/o votando quelli avanzati da altri, a farlo sul sito internet http://madeincarpi.ideascale.com, sito al quale è possibile accedere anche dalla pagina Facebook ‘madeincarpi’. “Nella fase pre-elettorale – continua Mariani – vi è necessità di ascoltare e noi desideriamo dare il nostro contributo per superare l’indifferenza e stimolare l’attivismo. I temi e le idee che emergeranno, auspico possano entrare nell’agenda della prossima campagna elettorale”. Alla presentazione dell’iniziativa che, gli organizzatori, dichiarano essere svincolata da ogni schieramento politico o visione ideologica, hanno assistito anche Giliola Pivetti di Alleanza per Carpi e Giorgio Cavazzoli di Forza Italia. Tra la ventina di idee che già circolano sul sito di Made in Carpi, si va dalle più tradizionali, come quella di adottare facilitazioni fiscali per le attività commerciali del centro storico, riducendo il carico fiscale per chi sceglie di affittare gli spazi a fronte di chi non lo fa, fino a quelle più provocatorie, come la proposta di far pagare di più a chi infrange le regole, per premiare e agevolare i cittadini che si comportano correttamente e, infine, la creazione di un polo tecnologico. In mezzo, la richiesta di creare più parcheggi rosa in centro, di adibire l’ex Pretura a una struttura polifunzionale e di prevedere la possibilità di caricare le biciclette sui bus Arianna in condizioni di maltempo. Dato interessante, le proposte si possono non solo approvare, ma anche bocciare: per ora ha ricevuto due voti negativi quella di aprire un casello autostradale a Carpi Nord per decongestionare il traffico su via Remesina. “Nell’intenzione degli organizzatori – chiosa Paolo Pettenati – questo mezzo dovrebbe portare a superare la diffusa rassegnazione a una politica autoreferenziale e tentare di recuperare quel senso civico soffocato dalla dilagante indifferenza per le sorti del bene comune”.
Marcello Marchesini

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here