Roxel: il sole dentro!

0
153

Hanno portato il sole sul palco del Radio Bruno Estate che ha fatto tappa a Modena lo scorso 17 luglio. Sono i Roxel, la frizzante band con una front woman piena di energia: la cantante carpigiana Rossella Zanasi, da cui deriva il nome del gruppo.
Ad affiancarla altri tre artisti con un curriculum di tutto rispetto: Andrea Valentini alla chitarra, Luca Modena alla batteria e Marco Gennari al basso.
Tutti i cantanti e i gruppi di maggior successo hanno una canzone che ha segnato una svolta per la loro carriera. Per i Roxel si tratta del brano Waiting for the Sun prodotto da Massimo Varini e pubblicato online per la prima volta lo scorso 29 maggio. Una data scelta per ragioni affatto casuali. “Penso che la forza di questo brano – racconta Rossella – risieda nelle sue sonorità pop country, con un sapore finger style e reminiscenze musicali statunitensi. E’ una sferzata di ottimismo. Non l’avevamo mai detto prima d’ora, ma questo brano è nato da una situazione tutt’altro che positiva. Erano i giorni immediatamente successivi agli eventi sismici del maggio 2012. C’era tanta preoccupazione ma anche tanta voglia di stare insieme e condividere tra di noi queste sensazioni. La musica non poteva non essere influenzata da quel contesto, perché raccontare la vita e i suoi umori è la sua prerogativa. E così, un giorno, mentre ci trovavamo insieme per provare, Luca ha esordito con questa frase: ‘ci vorrebbe un po’ di sole, tutti lo stiamo aspettando! Da lì si è accesa la lampadina. Abbiamo cominciato a lavorare sul tema della solarità e della necessità di guardare avanti con ottimismo senza lasciarsi condizionare dagli eventi traumatici del passato, per cui se la prima strofa della canzone recita: è notte e fuori si sentono i bum bum, il ritornello riporta la speranza suonando, come in un inno corale, everybody is waiting for the sun”.
Questo dei Roxel è un pezzo di cui si ci innamora. Sono stati in tanti a farlo. In primis Massimo Varini, grazie al quale si è concretizzato tutto, ma in seguito anche altri si sono lasciati affascinare dalla sferzata di allegria che si sprigiona dalla melodia di Waiting for the Sun. Tra loro anche il fotografo Gigi Ottani che ha realizzato il video musicale del pezzo. “E’ stata un’esperienza unica – prosegue Rossella – in questo video abbiamo desiderato coinvolgere tutti i nostri amici, i nostri affetti e, in generale, tutte le persone che condividono con noi la voglia di stare insieme con spensieratezza. Ciò che contraddistingue maggiormente questa canzone, così come tutti i nostri pezzi, è proprio la solarità. Ovviamente, nel nostro repertorio musicale trovano spazio anche il romanticismo e la riflessione, ma la tristezza proprio no. Vogliamo che la gente sorrida e si diverta con noi mentre suoniamo”.
“Inoltre – aggiunge Luca – c’è un piccolo aneddoto legato a questa canzone, ovvero il fatto che inizialmente fosse stata scambiata per un pezzo di produzione straniera. Quando lo abbiamo pubblicato in Rete, abbiamo ricevuto tantissimi commenti di gente che rimaneva incredula quando scopriva che siamo italiani e abbiamo composto il brano in Italia. E’ curioso, in ogni caso, ciò che conta più di ogni altra cosa è che il pezzo piaccia”.
In effetti, dalla versione originale del brano ne sono state create altre sette, ciascuna con una cifra musicale differente, ma sempre con la stessa intensità della prima.
Mentre ancora stanno assaporando il successo di Waiting for the Sun, che ha varcato i confini dell’Emilia Romagna, arrivando a essere trasmesso nelle radio di ogni parte d’Italia, i Roxel già pensano al futuro. “Vorremmo incidere un album. Abbiamo già del materiale e ci stiamo lavorando. C’è un messaggio importante che vorremmo lanciare: anche senza avere alle spalle una major di successo e senza alcun investimento economico, siamo riusciti a vedere pubblicata una nostra canzone e a farle conquistare numerosi passaggi in molte radio, soprattutto su Radio Bruno, che ci ha dato anche la grande opportunità di salire sul palco del suo più importante evento musicale dell’anno. Forse, allora, con tanto impegno, dedizione e positività ce la si può fare. Noi continueremo su questa strada e, finché faremo canzoni divertendoci e facendo divertire gli altri, perché dovremmo smettere?”.
Chiara Sorrentino

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here