Evviva il latte materno

0
61

Dopo il successo ottenuto a Modena, dove la scorsa settimana si è tenuta la prima edizione, il progetto d’educazione sanitaria volto a far conoscere i vantaggi dell’allattamento materno, valorizzando anche il ruolo di educatori sanitari dei farmacisti, si sposta a Carpi presso la sede della Croce Rossa. Due gli appuntamenti in programma, ciascuno di quattro ore: il primo, questa sera, lunedì 14, e il secondo, giovedì 17 maggio. Il percorso propone un’approfondita formazione basata sulle linee-guida dell’Organizzazione Mondiale della Sanità e UNICEF e coinvolge, di volta in volta, figure – ostetriche e pediatri ospedalieri – che appartengono alla realtà del distretto. L’iniziativa, promossa da Federfarma Modena in collaborazione con l’Azienda USL di Modena e con il patrocinio dell’Ordine dei Farmacisti e del Multicentro Ambiente e Salute (M.U.S.A.) del Comune di Modena, è aperta a tutti i farmacisti della provincia di Modena. In questo modo si mira a integrare ancora di più i rapporti tra gli operatori sanitari al fine di offrire alle neomamme e ai neonati il miglior servizio possibile non solo in termini di assistenza, ma anche d’educazione sanitaria.

Molti gli argomenti che saranno trattati: si va dalla composizione del latte materno all’anatomia e fisiologia dell’allattamento al seno, a quando allattare il bambino, alla spremitura e conservazione del latte materno, alla comunicazione con la mamma che allatta, fino alle tecniche di utilizzo degli ausili, all’interazione tra i farmaci e l’allattamento, ai problemi del seno. Un programma molto ricco che, come ricordato, sarà sviluppato nell’arco di due serate e che a Carpi coinvolgerà Angela Simoni, pediatra dell’Azienda USL di Modena – Ospedale Ramazzini di Carpi, Andrea Bergomi, pediatra di libera scelta, Chiara Chittoni, ostetrica dell’Azienda USL di Modena – Ospedale Ramazzini di Carpi, Giuliana Raimondi,ostetrica IBCLC Consultorio Familiare – Azienda USL di Modena e, infine, la farmacista del territorio Silvia Lodi, fortemente impegnata nel progetto.

“Questo rappresenta l’ennesimo esempio virtuoso di come le farmacie del territorio possano svolgere al meglio anche un ruolo di educazione sanitaria, operando in modo integrato con la sanità pubblica e sostenendo la diffusione di comportamenti corretti e utili per la salute. L’idea di un corso sull’allattamento è scaturita dal lavoro della Commissione Comunicazione di Federfarma e dall’indicazione di una nostra collega, proprio del distretto di Carpi, che aveva già approfondito questi argomenti. Per creare una cultura comune a tutti i farmacisti e fornire risposte più strutturate e il più possibile omogenee e condivise, oltre che professionali, ci siamo confrontati con l’Azienda Usl che ci ha messo a disposizione le proprie competenze ed aiutato a definire un percorso coerente con il lavoro già svolto in questo ambito. C’è stato un eccellente gioco di squadra e al riguardo desidero esprimere un ringraziamento particolare, oltre che all’Ordine e all’Ausl, anche all’Associazione dei Giovani Farmacisti, A.Gi.Far., e alla Croce Rossa Italiana per la preziosa collaborazione offerta” commenta Silvana Casale, presidente provinciale di Federfarma Modena. Dopo Modena e Carpi, sarà la volta di Pavullo, dove le due giornate di corso sono in programma per il 27 e 29 maggio.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here