I libri di San Rocco…

0
45

Andrea De Carlo, Quirino Principe, Carla Fracci e Paolo Crepet sono questi i quattro protagonisti della rassegna primaverile I libri di San Rocco, organizzata da Fondazione Cassa di Risparmio di Carpi e San Rocco Arte & Cultura, in collaborazione con Biblioteca Arturo Loria e patrocinata dal Comune di Carpi. Quattro preziose occasioni per conoscere da vicino l’arte nelle sue sfaccettature più varie: dalla narrativa alla musica, dalla saggistica allo spettacolo e danza. “Con questa rassegna – ha dichiarato Giuseppe Ferrario, presidente di San Rocco Arte & Cultura – aggiungiamo un altro importante tassello nel mosaico delle nostre attività”. Tutti gli appuntamenti saranno a ingresso gratuito, sino a esaurimento posti, e condotti da Davide Bregola, direttore artistico della Festa del Racconto e presidente della giuria del Premio Arturo Loria, il concorso letterario nazionale dedicato allo scrittore carpigiano, in programma per la fine di aprile. “Ho pensato di invitare intellettuali di spessore, persone appartenenti al mondo della cultura che stimo e apprezzo – ha sottolineato Bregola – capaci di divulgare cultura in modo efficace e simpatico. Personaggi popolari ma di grande qualità. Il mio desiderio è quello di creare un’atmosfera intima, piacevole con ognuno dei quattro protagonisti della rassegna. Avremo lo scrittore di best seller Andrea De Carlo, che parlerà di storie e romanzi, compresa la sua ultima fatica letteraria, Villa Metaphora; il critico musicale e filosofo della musica, nonché traduttore italiano del romanzo Il Signore degli anelli di Tolkien, Quirino Principe ci parlerà della contemporaneità della musica classica; l’etoile Carla Fracci, che stimo sin da quando ero bambino, e il regista Beppe Menegatti ci racconteranno la loro vita dedicata al teatro e alla danza classica; infine Paolo Crepet dibatterà sui valori del nuovo millennio, la famiglia, l’educazione dei figli”. Gli incontri saranno supportati da video, musiche e letture, per rendere piacevole a tutti l’incontro e la scoperta di queste grandi personalità della cultura italiana. “Artisti, ma anche uomini e donne, vicini a tutti noi”, conclude Davide Bregola.
Jessica Bianchi

Andrea De Carlo
Giovedì 14 marzo, alle 21, presso l’Auditorium della Biblioteca si inizierà con Andrea De Carlo. Il celebre autore di best seller condurrà gli spettatori all’interno di Villa Metaphora: Voci da un’isola, il suo ultimo romanzo ambientato a Tari, una piccola isola vulcanica ai margini estremi del Mediterraneo meridionale, in un resort di lusso con ospiti internazionali, ricchi e famosi, in cerca di qualche giorno di tregua dalle pressioni del mondo. Una serata per raccontare un libro che raccoglie la sfida di narrare il mondo di oggi, con le sue virtù e difetti peggiori, i suoi vizi, paure e insostenibili contraddizioni.

Carla Fracci e Beppe Menegatti
Per il terzo appuntamento saranno ospiti di Sala Mori, giovedì 28 marzo, alle 21, Carla Fracci e il marito Beppe Menegatti. La ballerina italiana famosa in tutto il mondo ripercorrerà la sua incredibile carriera, che l’ha portata a esibirsi sui palcoscenici dei più importanti teatri, insieme alle compagnie più prestigiose, danzando con ballerini del calibro di  Rudolf Nureyev, Vladimir Vasiliev,  Mikhail Baryshnikov ed Erik Bruhn. Con lei, a ricordare gli inizi alla scuola di ballo del Teatro alla Scala,  sino alle sue prese di posizione e al suo impegno contro i tagli alla cultura, il regista teatrale Menegatti, autore di spettacoli dell’icona della danza italiana. Una vita sulle vette, o meglio, sulle punte, quella di Carla Fracci, che commenterà anche gli estratti video delle sue più celebri interpretazioni.

Quirino Principe
Venerdì 22 marzo, alle 21, presso la Sala Mori sarà la musica il tema della serata, con Quirino Principe, celebre musicologo e critico musicale che terrà un’inimitabile dissertazione sulla modernità della musica classica. Il tutto accompagnato dall’ascolto di alcune tra le migliori esecuzioni, commentate da chi meglio non potrebbe. Per scoprire, forse, come Mozart e Schumann si rivolgano a noi contemporanei avendo da dire molto più di quanto ci potremmo immaginare. 

Paolo Crepet
La rassegna si concluderà poi giovedì 11 aprile, alle 21, presso l’Auditorium della Biblioteca. Lo psichiatra e sociologo Paolo Crepet dibatterà sui valori del nuovo millennio, la famiglia, l’educazione dei figli, in un incontro dal titolo L’autorità perduta. Bambini maleducati, adolescenti senza regole, ragazzi ubriachi e indifferenti. Genitori che si lamentano di una generazione arresa e senza passioni, che sembra aver perso anche la capacità di stupirsi. Ma non sarà che ad arrendersi per primi sono stati proprio i genitori, che con la loro accondiscendenza hanno sottratto ai figli l’essenziale, ossia il desiderio, salvaguardando un quotidiano quieto vivere privo di emozioni e ambizioni, dove rimbomba soltanto l’elenco delle lamentele contro la società e la politica?

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here