Un Natale di rinascita

0
70

E’ possibile che esclusive ceste natalizie rappresentino un gradito dono e, al contempo, aiutino aziende terremotate a risollevarsi e una scuola materna a prendere forma? Grazie a un progetto voluto da Rock no War, Radio Bruno e Roxy bar Tv, questo Natale è possibile fare tutto questo con un solo gesto. L’idea è semplice ed efficace, come sottolinea Carlo Piccinini, vice presidente della Cantina Sociale di Carpi e Sorbara. “La nostra collaborazione con Rock No War è ormai consolidata quindi, dopo il terremoto, abbiamo dapprima unito le forze nel commercializzare – nei supermercati emiliani – bottiglie di lambrusco per raccogliere fondi da devolvere ai nostri territori (1 euro su ogni bottiglia venduta) e, successivamente, è nata l’idea di realizzare delle ceste natalizie solidali per mantenere alta l’attenzione sul dramma che si è consumato in Emilia e per sostenere coloro che, tuttora, subiscono le conseguenze del terremoto, nonostante l’abbandono mediatico”. Tre le tipologie di ceste pensate dagli ideatori (Classic, Plus e Gold) con tre diverse fasce di prezzo: “ogni pacco – spiega Giorgio Amadessi, presidente di Rock no War – contiene prodotti provenienti da aziende colpite dal sisma che abbiamo pagato a prezzo pieno per cercare di dar loro sollievo in questo momento difficile. Altri prodotti invece ci sono stati donati da produttori amici o acquistati a prezzi davvero convenienti. Chi compra la cesta, oltre a fare un gesto di concreta solidarietà – sia questi un privato o un’azienda – avrà tra le mani un pacco di grande valore”. Rock no War dopo il sisma ha deciso di ricostruire la Scuola Materna di Medolla: “ad oggi, – continua Amadessi – abbiamo raccolto circa 1, 5 milioni di euro. Per completare la struttura necessitiamo di altri 400mila euro. Il nostro obiettivo è quindi quello di raccogliere almeno 200mila euro tramite la vendita delle ceste (ad esempio, sulle Gold, del valore di 100 euro, 10 vengono devoluti al progetto)”. Le ceste natalizie racchiudono leccornie capaci di soddisfare ogni gusto, persino quello dei vegetariani. “Su consiglio del vegano Red Ronnie, tra i testimonial dell’iniziativa – prosegue Giorgio Amadessi – abbiamo pensato di realizzare una cesta, la Classic, a misura di vegetariano, che si è guadagnata il plauso e il marchio di Avi, Associazione Vetegetariana Italiana”. Le ceste potranno essere acquistate dal 1° dicembre nei cinque spacci della Cantina Sociale a Carpi, Sorbara, Rio Saliceto, Concordia e Poggio Rusco e on line (per info www.rocknowar.it). Anche Radio Bruno – promotrice della campagna Teniamo Botta che ha già raccolto oltre 600mila euro con le magliette e ora si appresta a lanciare le palline di Natale – sostiene con entusiasmo l’iniziativa, come spiega La Strana Coppia formata da Enrico Gualdi e Sandro Damura. “Se non fosse stato per i privati e le associazioni che, meritoriamente, si sono spesi per fare qualcosa di concreto per i terremotati, oggi verseremmo in una condizione ancor peggiore. I soldi promessi faticano ad arrivare, la burocrazia è farraginosa… e i media si sono dimenticati dell’Emilia. Ognuno di noi quindi deve continuare a fare la propria parte per cercare di far rinascere le nostre città e il nostro tessuto economico e sociale”.
Jessica Bianchi

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here