Il Lambrusco costerà di più

0
49

Per il secondo anno consecutivo la vendemmia è scarsa dal punto di vista quantitativo, ma resta alta la qualità dell’uva. Lo afferma Confcooperative Modena, che ha analizzato i dati sulla raccolta di uva delle cinque cooperative vitivinicole aderenti, le quali lavorano il 60 per cento dell’uva complessivamente coltivata nella nostra provincia. Quest’anno il prodotto conferito negli stabilimenti delle Cantine di Carpi e Sorbara, S. Croce di Carpi, Settecani di Castelvetro e Formigine Pedemontana ammonta a 632.452 quintali, 13 mila quintali in meno dell’anno scorso. “Abbiamo perso il 2 per cento rispetto al 2011, che a sua volta era calato del 14 per cento sull’anno precedente – dichiara Carlo Piccinini, vice presidente della Cantina di Carpi e Sorbara e presidente del settore vitivinicolo di Confcooperative Modena – Tuttavia è andata meglio delle previsioni. La siccità estiva ci aveva fatto temere un grosso calo della produzione, invece le piogge di fine settembre hanno aumentato la resa produttiva delle varietà tardive. A fronte del lieve calo produttivo, l’uva presenta un ottimo livello qualitativo con un buon equilibrio delle componenti organolettiche. Le alte temperature estive e l’assenza di precipitazioni piovose hanno giovato alla qualità degli acini, preservandoli da muffe e parassiti”. Nonostante la crisi economica globale, la buona qualità della produzione viticola e le ridotte giacenze di vino presenti nei magazzini (inferiori del 20 per cento rispetto all’anno scorso) inducono le cantine cooperative a un cauto ottimismo in vista della prossima campagna di commercializzazione. “L’annata 2012 si apre con buone prospettive, anche se – afferma Piccinini – la produzione di vino è bassa in tutta Europa. Il Lambrusco, però, continua a essere molto richiesto anche all’estero. Per questo – conclude il presidente del settore vitivinicolo di Confcooperative Modena – pensiamo che il mercato potrà assorbire un aumento dei prezzi dei nostri Lambruschi”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here