Passa la Parola conquista Carpi

0
63

Un successo programmato, non ci sono altre parole per descrivere l’esito della seconda edizione di Passa la Parola che quest’anno, in via del tutto straordinaria, si è trasferito nell’Area Nord della provincia in segno di completa solidarietà alle popolazioni colpite dal sisma. Una tre giorni intensa, ricca di cultura, divertimento e di ospiti: il Festival della Lettura per Ragazzi, a marchio Csi Modena e Castello di Carta di Vignola, ha condotto in centro a Carpi non solo i più celebri autori della letteratura per l’infanzia del panorama nazionale, ma anche 5000 tra bambini, ragazzi, insegnanti, famiglie e appassionati.
“Piazza Garibaldi è tornata in vita con una vivacità mai vista: davanti al palco di Passa la Parola si sono riversati migliaia di bambini e ragazzi entusiasti. Un risultato atteso – ha commentato Stefano Gobbi, presidente del Csi di Modena – vista la grande partecipazione che aveva caratterizzato il festival già dalla sua prima edizione dello scorso anno e considerando la forte solidarietà che i modenesi stanno continuando a dimostrare ai territori della Bassa. L’idea di spostare l’iniziativa a Carpi ci è venuta immediatamente dopo il terremoto dello scorso maggio con l’obiettivo di portare a questi ragazzi una ventata di spensieratezza e svago, ma anche di cultura. Perchè, come si è detto più volte in questi giorni di grande festa, la ricostruzione parte prima di tutto dalla persone. Inutile dire che, visto l’entusiasmo dimostrato da pubblico e autori, non mancherà una terza edizione del festival”.
“Abbiamo respirato il potere della lettura in questi giorni nel cuore di Carpi – hanno aggiunto Milena Minelli e Sara Tarabusi de Il Castello di Carta – la curiosità e l’attenzione da parte di tantissimi bambini e appassionati ci hanno dato conferma dell’importanza della nostra missione: diffondere e promuovere la lettura. Una missione che per noi è divenuta un vero e proprio lavoro e che portiamo avanti tramite la nostra libreria specializzata e i numerosi eventi che da anni proponiamo nelle scuole e nelle biblioteche di tutto il territorio. Inevitabile dire che qui, nella terra così violentemente percossa dal sisma, tutto ciò acquista un valore ancora maggiore: ammettiamo che il sorriso di questi bambini ha un significato del tutto particolare e profondo”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here