Soliera: il punto sul terremoto

0
70

Nel Consiglio comunale di mercoledì 4 luglio, ospitato presso la Sala Riunioni del Centro polivalente “Il Mulino” di via Grandi 204 (in luogo della Sala Consiliare presso il Castello Campori, ancora inagibile dopo il sisma), il sindaco di Soliera Giuseppe Schena ha fatto il punto sull’emergenza e sulla ricostruzione post-terremoto.
Soliera ha concluso le 1323 verifiche speditive sulle segnalazioni di danni a edifici privati. La percentuale dei fabbricati resi inagibili con ordinanza si attesta al di sotto del 10% (sono circa 120). In buona parte di questi casi, gli interventi utili a ripristinare lo stato di agibilità sono relativamente semplici e possono essere espletati in tempi relativamente brevi. Buona parte delle famiglie interessate, nel giro di qualche settimana (o di un paio di mesi, nella peggiore delle ipotesi), potrà vedersi restituito l’uso abitativo dei propri appartamenti.
Sono circa 400 i solieresi che, a vario titolo e per varie ragioni, non dispongono pienamente della loro abitazione. L’amministrazione solierese ha assicurato il contributo per l’autonoma sistemazione e ha promosso un progetto-pilota di incontro fra proprietari di case sfitte e cittadini sfollati con necessità di nuovo alloggio.

Si è invece complicato il quadro dei danni subiti dal patrimonio pubblico. Il piano primo del Castello Campori resterà inagibile per diverso tempo, mentre nel mese di settembre dovrebbero riaprire la biblioteca Campori e la Sala Consiliare, nel piano nobile del Castello, quello meno compromesso dal sisma.
I tre cimiteri (Soliera, Limidi e Sozzigalli) si trovano in condizioni disagevoli, con differenti livelli di compromissione. Solo la parte nuova del cimitero di Limidi al momento è agibile.
Per quanto riguarda il resto degli spazi collettivi, sono inagibili le palestre Loschi e Paiporta. Inagibile parzialmente la palestra di Limidi ma gli interventi sono più immediati.

Quanto alle strutture scolastiche, le elementari Garibaldi e le medie Sassi di Soliera così come le elementari Battisti di Sozzigalli, hanno un grado di inagibilità dichiarata di categoria E. Non potranno venire ripristinate né in quest’anno scolastico né per il prossimo. Sarano necessari svariati mesi per risistemare e mettere a norma i fabbricati, oppure per progettare e costruire locali alternativi. L’anno scolastico 2012-13 prenderà avvio dunque con tre vere scuole prefabbricate (complete di aule, laboratori, uffici, servizi, etc) e non con una sistemazione minimale in container e moduli. Si è scelto di collocare le medie e le elementari in un’unica area di Soliera, nell’area di via Caduti di Nassiria, che collega via Stradello Arginetto a via Serrasina. A Sozzigalli, le lementari si troveranno invece nelle adiecenze del Ritrovo Sportivo.
La consegna della nuova scuola materna Bixio di via Gambisa a Soliera è confermata nei tempi utili all’inizio del nuovo anno scolastico.

Infine il sindaco Schena – che è anche membro del direttivo nazionale di Avviso Pubblico – ha sottolineato il tema della legalità e della vigilanza rispetto al pericolo delle infiltrazione mafiose nella fase dell’assegnazione appalti relativi ala ricostruzione.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here