Ghiri in libertà

0
77

Domenica 6 maggio, alle 16, nel bosco dell’Oasi La Francesa di Fossoli di Carpi, verranno liberati dai volontari del Centro di Recupero Fauna Selvatica Il Pettirosso di Modena dei Ghiri. Questi esemplari sono stati trovati in condizioni disperate e, dopo un lungo periodo di amorose cure da parte dei volontari del centro, domenica ritroveranno la libertà. Questa specie di roditore, presente in passato anche nella nostra zona, predilige gli ambienti boschivi, di solito a quote superiori i 600 metri, tuttavia in altri tempi era piuttosto comune anche in pianura. Solitamente frequenta parchi, giardini e boschi, in particolare quelli ricchi di sottobosco e caratterizzati dalla presenza di vecchi alberi dove può trovare facilmente numerose cavità, all’occorrenza adibite a rifugio o nido. Il ghiro è un animale generalmente notturno: di solito esce dal proprio nascondiglio poco dopo il tramonto per poi ritornarvi prima dell’alba. L’introduzione nell’oasi di questa specie ha la finalità di aumentare la biodiversità in un territorio a protezione integrale.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here