Tutti a Carpi. O a casa

0
158

E’ ufficiale. La comunicazione è stata data all’inizio del mese di marzo ai quaranta lavoratori, in maggioranza giovani donne: Champion chiude il centro design e prototipi di Scandicci per trasferire i reparti nella sede di Carpi. Il trasloco avverrà durante il mese di agosto perché i dipendenti possano essere effettivi a Carpi all’inizio di settembre 2012.

Un dramma per le quaranta dipendenti, tra cui molte mamme giovani con figli piccoli: una scelta insostenibile quella di decidere se cambiare vita, improvvisando il trasferimento di un’intera famiglia, o mollare il lavoro. O andare in Emilia, oppure lasciare.

Le prime lavoratrici che hanno ricevuto la lettera si sono dimesse senza poter beneficiare di alcun ammortizzatore sociale. “Già, perché spostare a 150 chilometri di distanza persone, soprattutto giovani donne con figli, che guadagnano mille euro al mese, significa, nella maggior parte dei casi costringerle a presentare dimissioni volontarie. Che di volontario, però, non hanno poi molto”, scrive il Nuovo Corriere di Firenze.

La questione è approdata in Consiglio provinciale a Firenze. Il Consiglio provinciale si era già interessato della situazione inerente l’azienda nel febbraio del 2010. In quel frangente la Champion aveva deciso di aprire una procedura di mobilità per 57 addetti a livello nazionale (23 a Scandicci) a causa della crisi e della perdita di importanti commesse.

Riferendo sulla questione l’assessore provinciale al Lavoro Elisa Simoni ha ricordato che “la caratteristica prevalente della manodopera è quella di essere femminile (soprattutto donne con figli) e giovane. Nei mesi scorsi in due tranche sono stati trasferiti a Carpi 12 addetti. Nessuno di loro ha accettato il trasferimento (5 lavoratrici si sono dimesse). La Provincia di Firenze effettua un monitoraggio continuo della situazione, preoccupata in particolare per le donne dipendenti con figli”.

I sindacati, che sono riusciti a ottenere un incontro con l’azienda, puntano a far avere alle lavoratrici almeno gli ammortizzatori sociali.E non è escluso che la Provincia di Firenze decida di intervenire in maniera più pesante attivando l’Unità di Crisi.

*b*I numeri+b+
L’azienda è presente in 60 paesi tra Europa, Africa e Medio Oriente con 200 negozi. Il Gruppo Champion Europe, formato da 4 aziende, ha tre sedi nelle quali sono impiegati 800 dipendenti. A Modena e Carpi vengono realizzati i prototipi (poi prodotti in Bielorussia ed in Vietnam) mentre a Scandicci opera il centro design, sviluppo prodotto (ideazione prototipi) e sourcing.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here