Don Ciotti a Carpi

0
108

“Sono solo un cittadino che sente prepotente dentro di sé il bisogno di giustizia”. Si presenta così don Luigi Ciotti. Non solo un sacerdote, bensì un uomo, un cittadino al servizio della gente. Di coloro che chiedono aiuto. Carismatico e di grande personalità, Ciotti dagli Anni ’90 ha iniziato un’intensa opera di denuncia e di contrasto al potere mafioso dando vita al periodico mensile Narcomafie, di cui è direttore responsabile. A coronamento di questo impegno, mettendo insieme le diverse realtà di volontariato e con un costante lavoro di rete, nel 1995 nasce Libera – Associazioni, nomi e numeri contro le mafie, un network che, oggi, coordina nell’impegno antimafia oltre 1.500 associazioni, gruppi, scuole, realtà di base, impegnate per costruire sinergie politico-culturali e organizzative capaci di diffondere la cultura della legalità. La legge sull’uso sociale dei beni confiscati alle mafie, l’educazione alla legalità democratica, l’impegno contro la corruzione, i campi di formazione antimafia, i progetti sul lavoro e lo sviluppo, le attività antiusura, sono alcuni dei concreti impegni di Libera. Libera, presieduta da Luigi Ciotti, è riconosciuta come associazione di promozione sociale dal Ministero della Solidarietà Sociale e nel 2008 è stata inserita dall’Eurispes tra le eccellenze italiane.
Don Ciotti su volontà del Comitato Festa del Patrono di Carpi sarà ospite della nostra città, giovedì 19 maggio, in occasione della Giornata della Legalità. Alle 10, il don incontrerà gli studenti delle scuole superiori cittadine nella cornice del Teatro Comunale mentre nel pomeriggio, il Parco dell’ex Cremeria di viale De Amicis verrà intitolato alle Vittime di tutte le mafie. La giornata si concluderà poi al Comunale dove, a partire dalle ore 21, torna il tradizionale appuntamento con il Premio Mamma Nina – Amore oltre le bandiere. Il premio, dedicato alla carpigiana Marianna Saltini, la mamma per antonomasia, ben evidenzia il rapporto di contiguità esistente tra San Bernardino da Siena, predicatore della giustizia e della dignità della persona e Mamma Nina, figura salvifica per la nostra città. “Un premio che vuole dare un segno forte e positivo alla città, – ha spiegato il presidente del Comitato Adamo Neri – e che ogni anno viene assegnato a persone ed enti che si sono particolarmente distinti – a livello locale e nazionale – in attività di tutela e sostegno della donna, della maternità e dell’infanzia”. Ad assegnare il premio sarà una commissione composta dal presidente Pierluigi Senatore, Adamo Neri, l’assessore alla Cultura del Comune di Carpi Alessia Ferrari, e i rappresentanti della Fondazione Casa della Divina Provvidenza, Roberto Cigarini e Tonino Zanoli. Il premio consiste in un contributo in denaro e in una formella originale realizzata dall’artista carpigiano Filippo Carnazza, in scagliola, tecnica che fa parte del dna della nostra comunità. Quest’anno il premio sarà consegnato a don Luigi Ciotti e al carpigiano Nelson Bova, presidente dell’associazione Il Tesoro Nascosto. Ad allietare la serata, le danze del mondo degli alunni di quinta elementare della Scuola Primaria C. Collodi.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here