Amianto con vista

0
76

L’invito a stare con gli occhi ben aperti è stato raccolto da un lettore di Tempo, un carpigiano che ha telefonato segnalando la presenza di un tetto in amianto sulla sede del Partito Democratico in via Don Davide Albertario, in una zona residenziale densamente popolata dove insistono anche due asili e una scuola elementare. Di tetti in amianto sono ricoperti condomini a più piani sempre nello stesso lotto compreso tra via Don D.Albertario, via Bortolamasi e via Remesina.
“Ho telefonato per fare questa segnalazione affinché chi di dovere intervenga per controllare l’integrità di quelle coperture, ben sapendo che l’eternit può diventare altamente cancerogeno disperdendosi nell’aria” ci ha detto. In effetti, l’amianto è pericoloso solo nel caso in cui, deteriorandosi o rompendosi, si disperda in piccole particelle. Tanti hanno deciso di sostituire le coperture in eternit particolarmente usate negli anni ’70, ma chi non ha ancora proceduto con la bonifica deve comunque provvedere al controllo delle condizioni in cui si trova l’amianto e alla sua manutenzione.
“Non ho motivo di sospettare che il tetto della sede di partito di via D. D. Albertario sia deteriorato e pericoloso per la salute pubblica” ci spiega il geometra Romagnoli della SIM, Società Immobiliare Modenese, che gestisce il patrimonio immobiliare del Partito Democratico ed è presieduta da Gianluigi Giordani.
Da quindici anni Romagnoli ricopre lo stesso incarico e si è occupato dei controlli, ci spiega, ogni due anni. “L’ultimo dovrebbe risalire a due anni fa e la copertura era in perfette condizioni senza rotture o infiltrazioni d’acqua”. Quest’anno, ci ha assicurato, effettuerà un nuovo controllo.
Il tetto non è mai stato impermeabilizzato ed è così da quando fu costruito l’edificio alla fine degli anni ’70. Fino a quando sarà possibile garantirne l’integrità? E se nel caso della sede di partito è stato possibile rintracciare un responsabile, chi garantisce il buono stato dei tetti in eternit sui condomini vicini abitati da privati cittadini?

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here