Quindicenne insultata da un rivale in amore

0
102

C’è stato un tempo in cui ai muri dei bagni della scuola si affidavano i messaggi, e non solo d’amore: vi si potevano trovare epiteti non proprio eleganti riferiti a chi aveva tradito e a chi aveva compartecipato alle corna. Per il preside è sempre stato complicato risalire agli autori degli atti vandalici e così toccava ai rappresentanti di istituto individuare i responsabili o… pulire. Poi è arrivata l’epoca dei telefonini e i ragazzini sulle panchine dei parchetti hanno aggiunto ai nomi e agli epiteti anche il numero di cellulare di malcapitate vittime. Oggi, con la tecnologia che è a disposizione, anche gli adolescenti si sono evoluti e hanno ideato nuove modalità per screditare rivali in amore o amici ‘traditori’. E’ successo in un istituto scolastico superiore di Carpi dove una quindicenne ha scaricato la foto di una coetanea dal profilo su Facebook, poi ha costruito un volantino indicando il numero di cellulare seguito da un elenco di prestazioni sessuali con relativo costo in euro. Ha poi affisso il volantino in diverse zone della città e alla quindicenne sono pure arrivate telefonate sconce di maniaci perversi. Tutto per una rivalità d’amore, per un ragazzino conteso, per un tradimento forse mal digerito. L’intervento dei genitori della vittima è stato tempestivo e particolarmente duro nei confronti dell’aguzzina perché non ci è voluto tanto per individuarla: diffamazione potrebbe essere il reato alla base di una possibile denuncia. Il lungo cammino verso l’autonomia presuppone che un ragazzo e una ragazza imparino a gestire le emozioni e che maturino quel senso di responsabilità in base al quale a ogni azione corrisponde sempre una conseguenza, oggi come trent’anni fa quando ‘autori ignoti’ si permettevano di offendere altre persone sui muri dei bagni della scuola. A rappresentare un’aggravante ci sono i mezzi moderni: webcam, social network, internet, cellulari il cui uso improprio sta creando non poche storture a tutti i livelli della società e a qualsiasi età.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here