A teatro per il Fibroscan

0
116

“Invitiamo tutti a venire al Teatro Comunale domenica 14 novembre alle 21: l’evento serve per raccogliere fondi per l’acquisto del Fibroscan, lo strumento che serve per misurare la durezza del fegato ed evitare, in un terzo dei casi, forse anche di più, la biopsia epatica e per far diagnosi di cirrosi, da tenere sotto controllo per evitare ulteriori complicanze. Questo strumento sarà messo in dotazione all’Azienda Usl e quindi a disposizione della comunità delle Terre d’Argine per fare diagnosi meno invasive e per aiutare i malati”: è il dott. Stefano Bellentani, Direttore Centro Studi Fegato a lanciare l’appello, seguito dal Presidente Amici del Fegato Onlus Luigi Ricci che ribadisce “manca ancora tanto per raggiungere l’obiettivo. Un anno fa è iniziata la campagna per la raccolta fondi e da allora abbiamo raccolto 12mila euro grazie al contributo della Banca Popolare di San Felice, della Fondazione Cassa di Risparmio di Carpi e delle aziende Migor, Blufin e Coc, ma dobbiamo arrivare a 90mila e la strada è ancora lunga. Stiamo facendo di tutto dai tornei di carte alle serate di ballo. Faccio un appello all’imprenditoria carpigiana e alla Fondazione perché bisogna che ci arriviamo in fondo”.
A ribadire l’importanza del Fibroscan, il gastroenterologo epatologo Bellentani: “se non identificata e curata per tempo, l’infiammazione del fegato può portare a sviluppare malattie gravi. Quando il fegato non funziona bene anche la qualità della vita è compromessa”.
All’acquisto del Fibroscan sarà devoluto tutto il ricavato della serata a teatro (ingresso 15 euro a posto unico) organizzata da Amici del Fegato onlus domenica 14 novembre presso il Teatro Comunale di Carpi: sul palcoscenico la compagnia Anfitrione metterà in scena “Sarto per Signora”di George Feydeau, una divertente commedia degli equivoci (info e prevendita: 059.6550185 cell. 327.4495679).
A fare da testimonial degli Amici del Fegato è intervenuto il Sindaco Enrico Campedelli. “Di fronte alle difficoltà in cui versa la sanità – ha sottolineato Campedelli – questo è un esempio di cittadini che si auto-organizzano. Le amministrazioni comunali devono esserci perché rappresentano le comunità e questa è un’iniziativa importante, che va sostenuta”.
L’iniziativa successiva sarà un’asta a favore del Fibroscan in programma giovedì 25 novembre a Modena presso il salotto culturale Agazzotti in viale Martiri della Libertà 38 (con esposizione aperta al pubblico dalle 10). Saranno battuti oltre 100 lotti di merce, tra antiquariato, modernariato, oggettistica, dipinti dell’Ottocento e del Novecento, biancheria per la casa d’epoca, tutti provenienti da raccolte di collezionisti locali.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here