La Mondial inizia i lavori alle Gallesi per rientrare ‘a casa’ a settembre

Si parte con un cantiere da 93mila euro per l’adeguamento dei sistemi di rilevamento e segnalazione incendi, la realizzazione di una nuova uscita di emergenza, la manutenzione e verifica dell’impianto elettrico, l’incapsulamento dell’amianto sulle facciate esterne.

0
694

Il via libera è arrivato sul filo di lana, è stato uno degli ultimi atti della Giunta Bellelli e consentirà all’ ASD Mondial Quartirolo di partire con i lavori presso la palestra Gallesi di via Ugo da Carpi. Attendere l’insediamento della futura squadra di governo della città avrebbe comportato un ulteriore rinvio del cantiere che, già annunciato per maggio, sarà allestito a partire dal 24 di giugno e proseguirà nei mesi estivi.

“E’ stato un percorso lungo e difficile – afferma la Presidente della Mondial Luisa Riccò – iniziato nel 2022 quando si è iniziato a parlare della riforma del settore sportivo e delle nuove norme per la gestione degli impianti. Già nel periodo pre-covid la situazione presentava criticità legate alla disponibilità di strutture per il periodo invernale con le società sportive costrette a ridurre gli orari delle attività e a scomodi trasferimenti da una palestra all’altra. Poi con la chiusura della palestra Gallesi, la Mondial ha perso la sua casa e non vediamo l’ora di trovarci di nuovo insieme”.

La struttura di via Ugo da Carpi, di proprietà comunale e sede della Mondial dal 2001, è chiusa da due anni in attesa di lavori di manutenzione straordinaria e la situazione si è sbloccata nel febbraio scorso grazie a un accordo tra il Comune di Carpi e la Mondial che, a fronte di una concessione della palestra ‘Floriano Gallesi’ in gestione per dieci anni, si farà carico con risorse proprie di lavori di manutenzione per 200mila euro, oltre a utenze e manutenzioni ordinarie: in pratica la Mondial non riceverà contributi comunali, ma potrà contare sulle entrate derivanti dalla propria attività sportiva, da sponsor e dalle tariffe per l’utilizzo dell’impianto da parte di terzi, come definite dalla Giunta.

“Non è stato facile mettere gambe alla nuova legge, ancora poco conosciuta anche per gli uffici comunali competenti ma ci siamo seduti intorno a un tavolo per trovare soluzioni condivise e chi verrà dopo di noi troverà la strada spianata” ammette Riccò.

Si parte con un cantiere da 93mila euro per l’adeguamento dei sistemi di rilevamento e segnalazione incendi, la realizzazione di una nuova uscita di emergenza, la manutenzione e verifica dell’impianto elettrico, l’incapsulamento dell’amianto sulle facciate esterne. La fine dei lavori di riqualificazione della palestra Gallesi è prevista nel prossimo mese di settembre.

“Ora stiamo cercando l’aiuto di tutti per integrare le nostre risorse derivanti dall’attività sportiva con l’obiettivo di portare a termine il progetto che ricomprende, oltre al risanamento strutturale, anche il miglioramento energetico. Chi si domanda perché non abbiamo valutato un nuovo immobile per realizzare una palestra non considera l’alto valore affettivo che lega la Mondial alle Gallesi, la cui posizione è bellissima” conclude la Presidente Riccò ricordando con Floriano.

Sara Gelli