Sport contro la povertà, in Madagascar con il progetto Play4Mada

In occasione del viaggio in Madagascar saranno consegnati il materiale scolastico e le divise per giocare a basket: a tal fine è stata attivata una raccolta di materiale presso Loto Centro Riabilitativo a Budrione di Carpi

0
1086

Spesso le migliori idee nascono per caso, come è successo a Martina Loschi e Silvia Gozzi che, dopo aver visto una storia sul profilo Instagram della cestista italiana Giorgia Sottana, già capitano della Nazionale, hanno deciso di vivere un’esperienza speciale di volontariato in Madagascar. Il basket è la grande passione che le unisce e che non hanno intenzione di abbandonare: dopo aver condiviso un posto nella stessa squadra fin da ragazze, tuttora giocano insieme in serie C. “Non potevamo non sposare il progetto di Play4Mada e andremo con Giorgia Sottana a giocare questa partita solidale nella convinzione che lo sport possa cambiare il mondo” spiegano Martina e Silvia.

L’obiettivo di Play4Mada è quello di migliorare le condizioni di vita dei bambini e ragazzi della città di Tulear dove è stato inaugurato lo scorso anno il nuovo centro sportivo in cui possono fare sport  e attività ricreative, al di fuori dell’orario scolastico, lontano dalle strade e dalla delinquenza. Il 22 luglio è fissata la partenza per Antananarivo da cui inizierà l’avventura che prevede anche la scoperta del Madagascar attraverso le risaie e la riserva naturale che ospita i lemuri, la visita agli artigiani locali, il trekking tra i canyon dell’Isalo e la tappa al villaggio delle tartarughe.

“All’arrivo a Tulear trascorreremo i giorni insieme ai bambini e ai ragazzi nel centro sportivo Play4Mada giocando a basket  e vivremo alcuni momenti insieme ai locali per esempio cucinando e facendo l’orto, fino al viaggio di ritorno in programma l’8 agosto”.

La proposta di questa vacanza speciale è stata accolta con entusiasmo dai figli di Silvia, Leonardo, 10 anni, e Ludovica, che festeggerà 9 anni in Madagascar: vivranno un’esperienza di volontariato andando a scuola con i loro coetanei malgasci e soprattutto giocando a basket con loro al pomeriggio, “in un contesto su misura per loro, affinché possano comprendere che ci sono bambini felici con poco e che si accontentano di quello che hanno” spiega Silvia.

Si dichiarano pronti a partire per “portare i colori pastello in Madagascar e assaggiare le cavallette” e disponibili a sperimentare questa nuova realtà perché Leonardo e Ludovica sono due bimbi estremamente curiosi.

In occasione del viaggio in Madagascar saranno consegnati infatti il materiale scolastico e le divise per giocare a basket: a tal fine è stata attivata una raccolta di materiale presso Loto Centro Riabilitativo a Budrione di Carpi. “Nel caso in cui dovessimo raccogliere più dei quaranta chili di materiale, che è il massimo peso consentito in aereo, lasceremo il resto ai volontari che partono dopo di noi e, dovesse avanzare ulteriore materiale, lo consegneremo a un’associazione locale a cui possa servire. Anche il ricavato dell’evento Artigianato Donna in programma il 16 giugno presso Loro Centro Riabilitativo sarà destinato a questo progetto”.