Chiesa di San Francesco, i lavori potrebbero partire nella primavera del 2025

In fase di ultimazione progettuale e prossima consegna alla struttura commissariale sono due siti cari ai carpigiani: la Chiesa di San Francesco e il Seminario. Per entrambe è prossima la consegna dei progetti alla struttura commissariale per le autorizzazioni specifiche, che si auspica si concludano nell’anno in corso per la chiesa di San Francesco, entro l’estate per il Seminario.

0
376
Foto di Fabrizio Bizzarri

Due le riaperture di immobili lesionati dal sisma di proprietà dell’Ufficio Diocesano Patrimonio Immobiliare: il 15 giugno quella di Villa Resti-Ferrari a Rolo e il 21 luglio la Chiesa di Tramuschio, preceduta da una pre-visita in fase di ultimazione lavori, in programma il prossimo 1 giugno.  Proseguono anche i cantieri della chiesa di Fossa e quello di San Martino Spino; quest’ultimo si prevede che si concluda entro l’anno. 

È in completamento la fase istruttoria in CEI per la chiesa nuova di Fossoli e sono stati consegnati in Regione i progetti esecutivi delle chiese di Quarantoli e di Gavello; si prevede che le fasi autorizzative possano essere concluse entro l’estate 2024, e che i cantieri possano partire entro il corrente anno.

In fase di ultimazione progettuale e prossima consegna alla struttura commissariale sono due siti cari ai carpigiani: la Chiesa di San Francesco e il Seminario. Per entrambe è prossima la consegna dei progetti alla struttura commissariale per le autorizzazioni specifiche, che si auspica si concludano nell’anno in corso per la chiesa di San Francesco, entro l’estate per il Seminario. 

Sono in corso, a differenti stadi, le progettazioni degli interventi di diverse chiese: quella di San Possidonio; a Carpi quella di Santa Giulia in frazione Migliarina; a Concordia quella di San Paolo Apostolo in centro e di Santa Caterina nella omonima frazione; a Novi quella di San Michele e quella di Santa Caterina in frazione di Rovereto; a Mirandola, quelle delle frazioni di Cividale, San Giacomo Roncole e Mortizzuolo. In ripresa è anche la progettazione dell’Oratorio della Madonnina a Mirandola. A conclusione delle fasi autorizzative potranno essere avviati i cantieri. Nella primavera del 2025 si prevede possano avviarsi quelli di San Francesco a Carpi, di Santa Giulia a Migliarina, di Cividale e quello impegnativo di San Possidonio. A fine estate, quelli di Santa Caterina di Concordia, di San Giacomo Roncole, e dell’Oratorio della Madonnina.

Sono in corso di elaborazione le gare per le assegnazioni delle progettazioni della chiesa madre di Fossoli e della chiesa di Nostra Signora di Fatima in frazione di San Giovanni di Concordia. Con queste due assegnazioni si esauriscono tutte le situazioni di interventi complessi sulle chiese diocesane danneggiate dal sisma per le quali non era stato avviato il percorso di recupero.