Alessandra, artigiana della carta con Carta in Barattolo

Alessandra Lugli, 40 anni di Rolo, dopo anni di lavoro come responsabile delle risorse umane in diverse aziende, l'anno scorso ha deciso di intraprendere un'attività tutta sua chiamata Carta in Barattolo. “Mi piacere creare decorazioni a partire dalla carta. Le occasioni sono molteplici: dalle cerimonie, ai compleanni, passando per le festività come Natale e Pasqua, l'allestimento di vetrine e molto altro. La potenza comunicativa della carta è tutta da esplorare e sperimentare”.

0
1557

La carta è un materiale indispensabile per diffondere idee nella vita quotidiana e nelle occasioni speciali. Alessandra Lugli, rolese classe 1982, ha deciso di utilizzare proprio questo materiale di origine antichissima per esprimere la sua creatività, diventando un’artigiana della carta. Laureata in Scienze Internazionali e Diplomatiche all’università di Forlì, con un master MBA in Gestione d’Impresa all’università di Bologna e un altro in Gestione delle Risorse Umane al Sole 24 ore, Alessandra ha iniziato a lavorare come responsabile delle risorse umane fino a quando, l’anno scorso, poco dopo la nascita della sua seconda figlia, ha deciso di lasciare il suo lavoro in ufficio per creare un’attività tutta sua che fino a quel momento era solo un hobby: quella della lavorazione della carta. “È stata una scelta dettata dall’esigenza di conciliare famiglia e lavoro – spiega Alessandra – ma anche dal desiderio di esprimere la mia vena creativa”.

Quando hai iniziato a manipolare la carta in maniera fantasiosa?

“Sono sempre stata una creativa abituata alle attività manuali essendo anche caposcout, catechista e membro del consiglio d’istituto della scuola di mia figlia. In particolare, per la lavorazione della carta, tutto è iniziato nel 2014 quando ho deciso di creare personalmente le partecipazioni  e tutto l’allestimento per il mio matrimonio. Ho imparato da autodidatta e mi è venuto molto naturale. Ho proseguito realizzando altri coordinati per matrimoni e cerimonie, prima per i miei amici e poi il giro si è allargato.

L’anno scorso, mentre ero ancora in maternità per la nascita della mia seconda figlia, ho deciso di fare un cambio drastico e di rimettermi in gioco con un’attività in proprio, ed è così che è nato il progetto Carta in Barattolo. Carta perché realizzo creazioni in carta, e barattolo perché sono un’appassionata di barattoli di ogni tipo, e spesso li utilizzo anche nei miei allestimenti. I miei strumenti di lavoro sono molto semplici: un plotter d’artigiana, taglierina, forbici, colla e, soprattutto, la mia fantasia e le mie mani”.

Quali sono le tue realizzazioni principali?

“Non ho un catalogo predefinito ma vado incontro ai desideri dei clienti, in particolare per quanto riguarda i matrimoni: ascolto come immaginano il loro giorno per unire le loro idee e la mia creatività al fine di realizzare qualcosa di unico. La personalizzazione e l’unicità sono le mie caratteristiche principali, oltre alla cura per i dettagli. Realizzo a mano le buste e, recentemente, ho introdotto la calligrafia, ovvero la scrittura a mano digitalizzata di parti del testo delle partecipazioni o di altri elementi.

Oltre ai coordinati per matrimoni e altre cerimonie ed eventi come battesimi, comunioni, cresime, lauree, anniversari e compleanni, realizzo party kit, lettere, numeri e simboli 3D, ghirlande e altre decorazioni per le festività come Natale e Pasqua”.

Che progetti hai per il futuro?

“Vorrei avere un mio sito Internet con la possibilità di acquistare online. Già adesso spedisco in tutta Italia ma vorrei dare più organicità alla mia rete di vendita. Inoltre, vorrei ampliare le collaborazioni con altri professionisti come organizzatori di eventi e fioristi, per creare connessioni proficue”.

Chiara Sorrentino