Carpi Campus ridisegna via Peruzzi e il polo scolastico

Sarà presentato lunedì 3 luglio alle 15.30 presso l’Auditorium della Biblioteca Loria (via Rodolfo Pio) il progetto Carpi Campus, elaborato raccogliendo le idee e i contributi dei ragazzi e realizzato con Carpi Urban Center e Politecnico di Milano, Polo di Mantova coinvolgendo Land Repair Lab 2020 e Carpi 2030

0
2580

Sarà presentato lunedì 3 luglio alle 15.30 presso l’Auditorium della Biblioteca Loria (via Rodolfo Pio) il progetto Carpi Campus, elaborato raccogliendo le idee e i contributi dei ragazzi e realizzato con Carpi Urban Center e Politecnico di Milano, Polo di Mantova coinvolgendo Land Repair Lab 2020 e Carpi 2030. L’idea da cui prende avvio il progetto nasce nell’inverno del 2022 da concrete esigenze, problemi e necessità evidenziate da Alda Barbi, dirigente scolastica del Liceo Fanti, uno dei 5 istituiti presenti nel polo scolastico di via Peruzzi, e che ha ottenuto un finanziamento funzionale a promuovere l’intervento proposto dal progetto.

Carpi Campus “nasce dalla constatazione – spiega la preside Barbi – che lo spazio abitato dalle scuole secondarie di Carpi, collocato in una zona precisa che ha come asse via Peruzzi, non è in alcun modo designato come ‘area scuole’, ad alta densità di studenti e docenti. In realtà, a me che arrivo ogni giorno in auto da fuori città è subito apparso come un ‘campus naturale’, una sfida progettuale che poteva (e doveva) coinvolgere un’intera comunità. Tutti gli attori di questa bella avventura di restyling urbano si sono infatti messi al servizio di un’idea, immaginando di poter organizzare spazi e tempi esterni alla scuola in modo funzionale, accogliente ed esteticamente bello. L’unione di intenti ha partorito un percorso tematico centrato sull’Agenda 2030 che si fa esso stesso spazio di apprendimento per i circa 5000 adolescenti che popolano l’area, nonché per i cittadini che la attraversano”. Alla presentazione interverranno: Alberto Bellelli Sindaco di Carpi; Alda Barbi, Dirigente Liceo Scientifico Manfredo Fanti Carpi; Carlo Peraboni e Stefania Campioli, Politecnico di Milano Polo di Mantova; Caterina Faglioni, Architetto neo laureata del Politecnico; Riccardo Righi, Assessore Urbanistica Comune di Carpi; Isabella Colarusso, Presidente di Carpi Urban Center; modera Maurizio Marinelli, Carpi Urban Center.

Esistono alcuni precedenti tentativi di ridisegnare via Peruzzi: già nel 2021 otto studenti di terza e quarta classe del Liceo Fanti, in collaborazione con studenti del Polimi, avevano partecipato al workshop ReActive Strategies – Costruire città sostenibili, è ora di agire organizzato dal Politecnico di Milano – Polo territoriale di Mantova: durante le tre giornate di lavoro si erano concentrati soprattutto sull’area che dai vari istituti scolastici di viale Peruzzi giunge all’acquedotto cercando di individuare un ventaglio di possibilità per rileggere e reinventare quel sistema di luoghi.

Più strutturata la proposta che risale al 2018, quando, nel volume [In]Tessere Legami Territoriali a corredo della mostra che illustrava gli esiti della ricerca commissionata dall’Unione Terre d’Argine, il Politecnico di Milano aveva trasformato via Peruzzi in un boulevard urbano continuo, a tre filari di alberi, con drastica riduzione della sede stradale veicolare, ‘consolidato dalla creazione di un margine forte, che permetta di accedere a un grandissimo spazio verde, vero nuovo cuore pulsante dedicato all’incontro soprattutto giovanile e alla socialità’. L’idea di base del Politecnico di Milano era appunto un a dilatazione del centro storico attraverso via Peruzzi fino all’area sportiva.

S.G.