“Sete di vita” il festival di Ho Avuto Sete torna in piazza il 6 maggio

Le voci della filosofia, della fede, del volontariato modenese e anche dei ragazzi dell’IPSIA Corni a confronto sul palco di “Sete di vita”, la seconda edizione del Festival di Ho Avuto Sete in piazza Matteotti a Modena. Alla sera lo spettacolo “Lucio vs. Lucio” con le canzoni di Lucio Dalla e Lucio Battisti.

0
666

Saranno le canzoni di Dalla e Battisti nello spettacolo “Lucio vs. Lucio” – che mette a confronto i due geni della musica italiana – a concludere “Sete di vita”, la seconda edizione del Festival di Ho Avuto Sete, l’organizzazione di volontariato impegnata da 11 anni nella realizzazione di impianti di acqua potabile in Africa.

L’evento si terrà sabato 6 maggio, tutta la giornata, a Modena in piazza Matteotti e prevede tre momenti. 

Sete di vita, tra Bibbia e filosofia. Dalle 10.00 alle 12.30 è previsto “Sete di vita, le parole della Bibbia e della filosofia” con gli interventi di Don Ermenegildo Manicardi, biblista e Vicario Generale della Diocesi di Carpi, e Fabiola Falappa docente di Ermeneutica filosofica presso l’Università di Macerata. Ne discutono con esponenti del volontariato: Arianna Agnoletto (Presidente Consulta attività socio assistenziali di Carpi), Franca Ghidoni (Ero straniero), Fabio Guaitoli (Caritas), Andrea Maccari (Il Mantello) e Sergio Richetti (Laboratorio Teologico Realino).

Sete e pratica di vita nella società. Dopo la presentazione del progetto “Sete di vita” realizzato dagli studenti dell’IPSIA Corni di Modena, alle 16.00, e il contributo del coro Armonico Ensemble, alle 17.30, il filosofo Roberto Mancini e il giornalista di Radio Vaticana Filomeno Lopes affrontano il tema “Sete e pratiche di vita nella società”. Ne discutono con Patrizia Farolini (Cefa), Giovanna Giovetti (Soroptimist), Lucia Palmieri (Cuamm) e Davide Santoriello (Mediterranea).

Alla sera “Lucio vs Lucio”. Dalle 2.,45, la genialità di Dalla e Battisti a confronto in uno spettacolo tra canzoni e racconto, ideato da Andrea Solieri. Un percorso che combina narrazione e musica in grado di risvegliare emozioni in chi li ha amati e suggestioni in chi desidera capire quanto i due artisti abbiano donato, e cambiato, la musica italiana.

Lo spettacolo, come tutto il Festival, è gratuito. È prevista la possibilità di pranzare e cenare in piazza Matteotti ma è necessaria la prenotazione telefonando lo 0598771458 o scrivendo a hoavutosete@gmail.com.

Ho Avuto Sete OdV. E’ una organizzazione di volontariato modenese dedita alla realizzazione di progetti umanitari, in particolar modo impianti di acqua potabile in Africa. In 10 anni di attività ha realizzato una cinquantina di interventi in oltre una decina di Paesi. E’ impegnata in attività di divulgazione e sensibilizzazione in Italia sui temi della pace e della giustizia.