Visionarie, storie di donne “folli e affamate”

Dal 7 al 26 marzo presso il Centro Commerciale Il Borgogioioso di Carpi è aperta una mostra dedicata alle donne.

0
605

Resterà aperta fino al 26 marzo, la mostra di ritratti femminili Visionarie presso la galleria del Centro Commerciale Il Borgogioioso di Carpi.

La galleria di ritratti femminili propone un gruppo scelto di donne che con la loro vita hanno incarnato una “visione”, un anticipo di futuro, in svariati campi: lo sport, la politica, l’arte, la professione, la moda, la scienza, il cinema, la musica, la poesia, la Chiesa. Donne che in modi diversi, e con diversi accenti di voce, hanno reclamato il “diritto di non essere interrotte”, di potere realizzare i propri sogni, di potere esercitare il proprio talento, di essere complete e compiute in sé stesse. Il percorso espositivo consiste in pannelli con venti ritratti realizzati, come per la precedente mostra del 2022, dall’illustratore solierese Emanuele Simoncini, con uno stile che si ispira alla pop art.

  “Questo – ha dichiarato il Direttore del Centro Commerciale Il Borgogioioso – è un percorso dedicato a donne importanti per il proprio Paese e per l’universo femminile. Donne “folli” che hanno saputo coltivare i propri sogni e rendere migliore il proprio Paese e il mondo”. 

Oltre a tre carpigiane illustri, Mamma Nina (Marianna Saltini), Anna Molinari e Liliana Cavani, la mostra presenta i ritratti di Alfonsina Morini Strada, Souad Abderrahim, Gae Aulenti, Nilde Iotti, Lidia Poët, Greta Thunberg, Bebe Vio, Chiara Ferragni, Victoria De Angelis, Rita Levi Montalcini, Maria Montessori, Alda Merini, Marjane Satrapi, Monica Vitti, Fernanda Wittgens, Marina Abramović. Ogni ritratto è accompagnato da una motivazione che in modo sintetico spiega la visione della donna ritratta e un QR-code da cui scaricare una biografia più completa. Uno dei pannelli è dedicato alle donne ucraine, con il ritratto della rifugiata Olga Rastieriaiev, protagonista del video della canzone Tango di Tananai; a un anno dal conflitto in Ucraina con questo ritratto Il Borgogioioso rilancia la campagna di raccolta fondi per l’acquisto di Kit di Primo Soccorso da destinare all’Ucraina.

Le donne celebrate dalla mostra sono tutte dei numeri uno e hanno saputo essere “folli e affamate” ben più di Steve Jobs, riuscendo a incarnare un passo avanti verso il futuro dei diritti sociali e civili.