La mia vita con tre boxer

Susanna Ascone, imprenditrice carpigiana nel settore accessori moda, da anni condivide la sua vita con i cani e, in particolare, con i boxer. Attualmente sono in tre a riempire le sue giornate di affetto e allegria: Fredo, Tom e Conny e dice: “da loro ricevo molto di più di quello che do”.

0
2174

L’amore per i cani di Susanna Ascone, 55 anni, imprenditrice carpigiana nel settore accessori moda, è iniziato con un bassotto, Pepe, che era entrato a far parte della sua vita circa vent’anni fa, grazie a sua figlia Serena, che attualmente ha 31 anni e lavora con lei in azienda. “E’ stato un amore lungo 17 anni  – racconta Susanna – fino a quando Pepe, purtroppo, non si è spento. Poi, ho conosciuto il boxer del mio compagno, Sonny, e da lì è sbocciato un nuovo amore che è continuato a crescere, tanto è vero che in seguito sono arrivati anche altri boxer: Vito, che adesso purtroppo non c’è più, Conny (di 5 anni) e Tom (di 2 anni e mezzo). La perdita di Pepe, Sonny e Vito è stata difficile da superare. Loro rimarranno i nostri angeli a quattro zampe, mentre nel frattempo abbiamo accolte un altro meraviglioso boxer in casa: Fredo, che compirà due anni a luglio”.

Com’è la vostra quotidianità?

“Intensa e felice. Si parte alla mattina presto quando, prima di andare al lavoro, carico tutti e tre i miei tre boxer nella mia auto adattata appositamente per loro, per portarli in un asilo per cani che conosco da anni, dove Conny, Tom e Fredo sono liberi di giocare insieme ad altri amici seguiti da una professionista del settore.  Poi, alla sera dopo il lavoro, li vado a prendere per tornare a casa tutti insieme. Sono fortunati perché hanno tanto spazio verde in cui giocare fuori casa, e una cuccia accogliente dove dormire dentro casa, anche se il divano ormai è diventato loro il posto preferito!

La mia vita e quella del mio compagno ruota tutta intorno a loro per qualsiasi decisione. Non c’è vacanza senza che non possiamo portarli con noi o lasciarli nel loro asilo di fiducia”.

Quali sono gli aspetti della vostra vita insieme che ami di più?

“Ciò che amo di più è la loro indole allegra e giocherellona, il loro carattere mite e la loro sensibilità.

Per fare un esempio: mia figlia ha un bimbo di dieci mesi e, sin da quando era neonato, Conny, Fredo e Tom sono sempre stati molto rispettosi e attenti nei suoi confronti, quasi protettivi. Altre volte, quando incontrano persone con delle fragilità, vanno incontro loro con dolcezza come a volerle sorreggere e accompagnare. Questi loro gesti mi fanno rendere conto di quanto sono fortunata a condividere la mia vita con loro, e di quanto mi diano: molto più di quello che do loro io. Non c’è prezzo infatti che valga tutto questo loro amore. E, per il futuro, sono pronta ad accogliere altri cani, soprattutto se bisognosi di aiuto”.

Chiara Sorrentino