I bimbi della Scuola Figlie della Provvidenza accompagneranno i calciatori di Carpi e Pistoiese in campo

Un caloroso bagno di folla ha accolto e salutato una delegazione dell’AC Carpi formata dal Capitano Alessandro Calanca e dai colleghi di reparto Matteo Boccaccini e Filippo Sabattini. Una simpatica chiacchierata, con botta e risposta fra i calciatori e gli entusiasti studenti, conclusasi con una foto ricordo, la consegna del pallone ufficiale da gioco autografato e una sgambata nell’ampio spazio esterno all’Istituto.

0
513

Aprirsi alla città, provando a stimolare nelle generazioni più giovani sentimenti di integrazione e divertimento, contribuendo al recupero della socialità proseguendo la politica di fidelizzazione ai colori biancorossi. E’ con questi presupposti che l’AC Carpi, iniziando un percorso che vedrà calciatori e dirigenti impegnati in un tour fra varie realtà per territorio, ha incontrato i piccoli studenti delle Scuole Figlie della Provvidenza. Un caloroso bagno di folla ha accolto e salutato una delegazione formata dal Capitano Alessandro Calanca e dai “colleghi di reparto” Matteo Boccaccini e Filippo Sabattini.

Una simpatica chiacchierata, con botta e risposta fra i calciatori e gli entusiasti studenti, conclusasi con una foto ricordo e la consegna del pallone ufficiale da gioco autografato. Un dono alla Scuola, da parte della Società, che ha scatenato l’irrefrenabile tentazione al gioco. I calciatori biancorossi, conquistati da tanto entusiasmo, si sono uniti ai bimbi in un’allegra sgambata nell’ampio spazio esterno all’Istituto, immerso nel verde. Un’ora abbondante, di gioco e condivisione, culminata con la spontanea proposta – rivolta agli studenti e alle loro famiglie – di ritrovarsi per assistere alla gara interna contro la Pistoiese, selezionando – attraverso sorteggio – 22 “ambasciatori” che accompagnino le squadre in campo.

La Società ringrazia sentitamente il direttivo e il corpo docenti della Scuola Figlie della Provvidenza per la possibilità offerta e per l’accoglienza riservata ai calciatori, con la speranza che si tratti del primo di numerosi appuntamenti da programmare nel prossimo futuro.