L’Associazione Zero K offre consulenze gratuite per le Disposizioni anticipate di trattamento

Lo sportello #ioso quindi scelgo sarà aperto dal lunedì al venerdì presso la Casa del Volontariato Carpi e si dovrà prendere appuntamento.

0
316

Uno sportello a disposizione del cittadino, un servizio di informazione e consulenza gratuita sui diritti e gli strumenti previsti dalla legge n.219/2017 (Norme in materia di consenso informato e di disposizioni anticipate di trattamento). E’ questa l’ultima iniziativa che ha organizzato l’associazione Zero K del presidente Massimiliano Cruciani, col contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Carpi nell’ambito del bando sociale 2021, grazie alla collaborazione di vari professionisti come medici di medicina generale, medici palliativisti, psicologi psicoterapeuti, infermieri ed educatori.

Lo sportello, che si chiama #ioso quindi scelgo, prende il via mercoledì 1° giugno presso la Casa del Volontariato Carpi, in viale Peruzzi n. 22 (al secondo piano). Sarà aperto dal lunedì al venerdì previo appuntamento da prendere nei seguenti modi: chiamando il numero 3936633546 (dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle 13), scrivendo alla mail associazionezerok@gmail.com o accedendo al sito www.associazionezerok.it utilizzando l’area riservata dello sportello “#ioso quindi scelgo”.

“Questo progetto vuole proporre al cittadino e alla comunità, un servizio in grado di affiancare e supportare le persone in un percorso complesso e ancora troppo sconosciuto come quello della consulenza alla scrittura delle Dat – Disposizioni anticipate di trattamento”, spiega Cruciani.

Nello specifico lo sportello avrà i seguenti obiettivi: in-formare il cittadino e i professionisti sanitari sui diritti previsti dalle legge n. 219/2017 e gli strumenti a disposizione; in-formare il cittadino e il personale sanitario sulle funzioni e sugli scopi del servizio #ioso quindi scelgo; informare e formare tutti i potenziali utenti del servizio, su temi come: il consenso ai trattamenti sanitari, il ruolo del paziente nelle scelte relative alla sua salute, il diritto di essere informati, il ruolo del fiduciario, la scrittura delle Dat e i suoi contenuti, le domande che è necessario porsi e porre per redigerle.