Che fine ha fatto il lascito di Renzo Po al Comune di Carpi?

L’appartamento è rimasto chiuso per cinque anni ma ora sarà venduto tramite asta pubblica

0
4183

Celibe e senza figli, Renzo Po era deceduto a 87 anni nell’agosto del 2017 e il Comune aveva scoperto di essere stato nominato, per la prima volta, erede testamentario: nel testamento Po aveva infatti disposto di lasciare il suo appartamento al Comune di Carpi e, in cambio della donazione, il Comune si sarebbe dovuto occupare della manutenzione della sua tomba.

Nel 2019, in occasione del Consiglio comunale che ne aveva approvato l’accettazione e non avendo il signor Po vincolato l’immobile a un uso particolare, il Sindaco Alberto Bellelli aveva spiegato che le opzioni erano due: mettere in vendita appartamento e autorimessa o riutilizzare questi beni magari per destinarli a fini sociali.

L’appartamento al piano terra con giardino in un condominio di pregio tra via Berengario e via Tre Febbraio è rimasto fino a oggi chiuso e inutilizzato ma nelle settimane scorse il Comune di Carpi si è attivato per sanare le difformità riscontrate rispetto al progetto di costruzione del 2008. L’assessore Marco Truzzi competente per la gestione del Patrimonio conferma l’intenzione del Comune di procedere con la vendita dell’immobile.

Assessore Truzzi, il Comune ha valutato la possibilità di gestirlo per l’emergenza abitativa?

“Sì, ma l’appartamento non ha i requisiti utili per l’emergenza abitativa. Sono state ritenute più adatte altre soluzioni nella disponibilità del patrimonio comunale”.

Quali sono le motivazioni per cui si è scelto di venderlo dopo cinque anni in cui è rimasto lì chiuso?

“Prima di poter alienare l’appartamento era necessaria la sanatoria. Infine in questo momento storico l’aumento dei prezzi delle materie prime sta condizionando in maniera significativa gli investimenti programmati dal comune di Carpi e riteniamo necessario dare maggiore priorità alle alienazioni”.

Con quali modalità verrà venduto?

“L’immobile sarà ceduto tramite asta pubblica”.

Per chi lo acquisterà ci saranno conseguenze o la sanatoria rimedia a tutte le difformità riscontrate?

“Le difformità riscontrate sono state tutte sanate con la delibera”.

S.G.