25 aprile: risveglio al Campo di Fossoli tra parole e musica

Tante le iniziative che, a Carpi, caratterizzeranno il programma della Fondazione Fossoli in occasione del 77° anniversario della Festa della Liberazione. In particolare, la mattina del 25 le celebrazioni prenderanno avvio alle 8 dal Campo di Fossoli, con un invito rivolto a tutta la cittadinanza a ritrovarsi in quel luogo così pieno di tragedie e speranze, sofferenze e desideri di rinascita, ad ascoltare la voce di Simone Maretti e la musica della Filarmonica Città di Carpi, per dare così il via alla giornata di festeggiamenti per ricordare la libertà ritrovata.

0
502

Tante le iniziative che, a Carpi, caratterizzeranno il programma della Fondazione Fossoli in occasione del 77° anniversario della Festa della Liberazione. In particolare, la mattina del 25 le celebrazioni prenderanno avvio alle 8 dal Campo di Fossoli, con un invito rivolto a tutta la cittadinanza a ritrovarsi in quel luogo così pieno di tragedie e speranze, sofferenze e desideri di rinascita, ad ascoltare la voce di Simone Maretti e la musica della Filarmonica Città di Carpi, per dare così il via alla giornata di festeggiamenti per ricordare la libertà ritrovata.

Tutti gli appuntamenti che – tra spettacoli, mostre, incontri, letture e musica – accompagneranno i partecipanti dal 22 al 28 aprile, saranno a partecipazione gratuita. 

A dare il via al cartellone sarà, venerdì 22 aprile, L’ultima notte a Montefiorino. La storia di un partigiano, spettacolo che, scritto da Matteo Manfredini, interpretato da Enrico Salimbeti con accompagnamento musicale di Ezio Bonicelli, andrà in scena alle 21 presso il Museo Monumento al Deportato di Carpi.

Gli appuntamenti della giornata di lunedì 25 aprile si svolgeranno invece presso il Campo di Fossoli: ad aprire le celebrazioni, alle ore 8.00, sarà Aurora di un mondo migliore, con letture e musica. La lunga giornata della Festa della Liberazione inizia dunque da qui, dal Campo di Fossoli, crocevia di tragedie e speranze, lotte e rinascite, storie nella Storia. Un invito ai cittadini, alle associazioni, a tutti, per ritrovarsi, dopo 77 anni, in questo luogo fisico che è anche così fortemente simbolico, per condividere e fare insieme festa, della libertà e della pace ritrovate, della rinascita della democrazia, l’aurora di un mondo migliore.

Alle 15.00, invece, si svolgerà l’inaugurazione della mostra Donne e bambini in un’Europa in guerra (1914-1945) alla presenza, tra gli altri, della deputata Laura Boldrini, Presidentessa emerita della Camera dei Deputati. 

Giovedì 28 aprile sarà invece la volta della presentazione, presso l’Auditorium della Biblioteca Loria di Carpi, della ricerca di Simeone del Prete, La Repubblica sociale alla sbarra. I processi delle Corti d’Assise straordinarie, 1945 -1947, in collaborazione con l’Istituto Storico di Modena. Iscrizione tramite e-mail all’indirizzo info@fondazionefossoli.it

Per tutta la giornata del 25 aprile sia il Campo di Fossoli che il Museo Monumento al Deportato di Carpi saranno aperti con orario continuato dalle 10 alle 19, con possibilità di effettuare visite guidate gratuite su prenotazione alle 14, 15 e 16 per il Campo, 10 e 12 per il Museo Monumento.