La Scuola d’Infanzia Balena Blu dona cinque alberi al Crea

Le gioiose voci dei bambini sono tornate a riempire il verde bosco dell’ex vivaio Crea a Cibeno. Dopo due anni dall’inizio della pandemia finalmente i volontari della sezione carpigiana della Lipu - associazione che gestisce l’area - hanno potuto accogliere in un simbolico abbraccio i piccoli della Scuola d'Infanzia Balena Blu.

0
808

Le gioiose voci dei bambini sono tornate a riempire il verde bosco dell’ex vivaio Crea a Cibeno. Dopo due anni dall’inizio della pandemia finalmente i volontari della sezione carpigiana della Lipu – associazione che gestisce l’area – hanno potuto accogliere in un simbolico abbraccio i piccoli della Scuola d’Infanzia Balena Blu. 

“In occasione dell’iniziativa M’Illumino di meno, giornata del risparmio energetico e degli stili di vita sostenibili – spiega l’insegnante Alessandro Neri   la nostra scuola ha deciso di acquistare cinque alberi, uno per ciascuna sezione, e di donarli alla Lipu affinchè fossero messi a dimora al Crea e contribuire così, con un piccolo gesto, ad aumentare il patrimonio verde della nostra città”.

E così, oggi, lunedì 11 aprile, i più piccini, ovvero la sezione dei tre anni, si è recata al Crea per assistere il fido volontario Bruno nella piantumazione degli alberi. 

Da oggi, grazie al dono della Balena Blu, l’ingresso del bellissimo polmone verde, si è arricchito di un acero di monte, un carpino, un acero campestre, un acero riccio e un amelanchier. Pianticelle alte tre volte tanto i piccolini, i quali ne hanno declamato ogni parte con deliziosa sicurezza e che non vedono l’ora di far vedere a mamma e papà. 

“La natura, in questi due anni, è letteralmente esplosa e in due ettari circa si sono creati ulteriori habitat differenziati grazie a una manutenzione ridotta al minimo a causa delle norme anti contagio. Siamo davvero felici che i bambini siano tornati a farci visita, dimostrando quanto sia importante per loro la natura e la sua tutela”, sorride la delegata della Lipu di Carpi, Daniela Rustichelli. 

Jessica Bianchi