Nel conflitto russo-ucraino non ci sono buoni e cattivi. L’intervista al giornalista Toni Capuozzo

Sull’invio di armi anche da parte dell’Italia all’Ucraina il giudizio del giornalista Toni Capuozzo è durissimo: “il diritto di difendersi degli ucraini è legittimo ma sarebbe stato meglio, pur esprimendo solidarietà, inviare aiuti inermi e non offensivi, dalle medicine al cibo, all’ospitalità dei profughi… ricavandoci così un ruolo di mediatori. Come puoi pensare di spingere le due parti a sedersi intorno a un tavolo se tu ti sei già fatto parte belligerante e fai tifo per una delle due? Ai muscoli è preferibile usare l’intelligenza e la forza della persuasione”. I giudizi su Putin si sprecano, “è un pazzo”, è “un criminale”, è “un animale” ma, prosegue Capuozzo, anziché ricorrere a etichette, “sarebbe meglio capire come ragiona per poter poter intavolare una corretta trattativa. Inoltre se ad esprimere giudizi pesanti sono Biden o il nostro Ministro degli Esteri il rischio è quello di giocarsi la possibilità di tessere un dialogo. Dovrebbero misurare di più le parole”.

0
1795

Nel conflitto russo-ucraino non ci sono buoni e cattivi poiché, come spiega il giornalista Toni Capuozzo, con puntuale lucidità, “nelle guerre nessuno, tranne i civili, è completamente innocente; lo vediamo davanti allo spettacolo insopportabile delle stragi. Pensiamo alla bomba sganciata dall’esercito ucraino su Donetsk, città simbolo del separatismo filorusso e alla strage per mano russa del teatro a Mariupol: in entrambi i casi un Paese accusa l’altro. L’unica cosa certa di questo conflitto, che è anche una guerra di propaganda, è che i civili muoiono a grappoli e per difendere tali innocenti è necessario fermare lo scontro il prima possibile”.

Qualcuno ha paragonato questa buia pagina di storia alla Resistenza italiana, una lettura che Capuozzo respinge con forza: “credo che tale riferimento sia completamente fuori luogo. Ricordiamo che in Ucraina vi sono reparti nazi-fascisti inglobati nell’esercito ufficiale, militari col ritratto di Hitler e svastiche al seguito e gruppuscoli fascisti anche tra i gruppi di volontari che appoggiano l’indipendenza delle repubblichette secessioniste. Questo conflitto nulla ha a che fare con le ideologie del Novecento bensì da un lato affonda le sue radici nella volontà dell’Ucraina di vivere all’occidentale e di entrare a far parte della Nato e dall’altro nei sogni di potenza di Putin di avere un’area di influenza che vada oltre il suo già sterminato paese e col suo timore di avere i missili della Nato sotto casa”.

Sull’invio di armi anche da parte dell’Italia all’Ucraina il giudizio del giornalista è durissimo: “il diritto di difendersi degli ucraini è legittimo e sacrosanto ma non credo che le nostre armi possano essere decisive per cambiare il corso del conflitto. Sarebbe stato meglio, pur esprimendo solidarietà, inviare aiuti inermi e non offensivi, dalle medicine al cibo, all’ospitalità dei profughi… ricavandoci così un ruolo di mediatori. Come puoi pensare di spingere le due parti a sedersi intorno a un tavolo se tu ti sei già fatto parte belligerante e fai tifo per una delle due? Sarebbe stato più proficuo non indossare la tuta mimetica ma la camicia bianca di chi insiste affinché si negozi e si fermino queste inutili e terribili stragi. Il ruolo tradizionale del nostro Paese non è quello di una potenza militare forte, l’Italia ha sempre avuto un ruolo nel cercare di far parlare tra loro gli avversari. Siamo stati contemporaneamente amici di israeliani e palestinesi, siamo stati fedeli alleati degli Stati Uniti ma mantenendo una posizione interlocutoria con l’Unione Sovietica… Ai muscoli è preferibile usare l’intelligenza e la forza della persuasione”. 

I giudizi su Putin si sprecano, “è un pazzo”, è “un criminale”, è “un animale” ma, prosegue Capuozzo, anziché ricorrere a etichette, “sarebbe meglio capire come ragiona per poter poter intavolare una corretta trattativa. Inoltre se ad esprimere giudizi pesanti sono Biden o il nostro Ministro degli Esteri il rischio è quello di giocarsi la possibilità di tessere un dialogo. Dovrebbero misurare di più le parole”.

Il disegno di Putin è evidente, aggiunge il giornalista, “non vuole essere circondato dalla Nato. D’altronde una volta finita l’Unione sovietica, la Nato fin dove si vuole allargare? Credo che questo bisogno di avere sempre un nemico sia una specie di nostra malattia. Putin cerca di dire no a questo ordine mondiale nel quale gli Stati Uniti continuano, anche attraverso la Nato, a essere padroni di mezzo mondo. Dopo la cocente sconfitta in Afghanistan, Putin li ha visti deboli e ha capito che prima che l’Ucraina aderisse alla Nato, questo era il momento perfetto per una guerra lampo capace di abbatterne il governo, sostituirlo con qualcuno di sua fiducia, avere un altro stato cuscinetto, oltre alla Bielorussia, vicino ai suoi confini e allargando di fatto la sua sfera di influenza. Gli Stati Uniti dal canto loro mandano avanti gli ucraini, dicendo silenziosamente loro di combattere fino all’ultimo uomo, inviando soldi e armi ma senza istituite una No Fly Zone che di fatto scatenerebbe una guerra con la Russia. Hanno già adottato questa tecnica coi curdi, con le donne afghane… Ovviamente chi ne sta pagando il prezzo sono i civili”.

Trent’anni dopo l’assedio di Sarajevo, l’Europa non ha capito nulla: “ancora una volta assistiamo a stragi quotidiane a cui viene dato un nome, la strage del pane, quella del teatro… per distinguerle all’interno di un enorme sanguinoso puzzle, esattamente come quanto accaduto nella capitale della Bosnia”, sottolinea Toni Capuozzo.

Ma quando finirà tutto questo orrore?  “Mi pare manchi un’autorità morale, politica o economica in grado di obbligare le due parti a parlare. Le Nazioni Unite sono assenti. L’unica figura che potrebbe spingere Russia e Ucraina a dialogare potrebbe essere la Cina, ma è riluttante a gettarsi nell’impresa della mediazione senza avere la certezza che andrà a finire bene.  La situazione a cui assistiamo è simile a quella verificatasi in Libano, nei Balcani, in Libia… l’Ucraina è un paese spezzato, segato dalle stragi quotidiane, davanti all’impotenza del mondo. Dietro l’angolo vi sono vari rischi: che l’aggressore Putin decida di ricorrere ad armi più potenti per spianare le città e chiudere il conflitto il più in fretta  possibile e quello di complicazioni di carattere internazionale qualora si verificasse un incidente sui confini Nato il che farebbe avverare i nostri incubi peggiori”.

Pierluigi Senatore