Luca Zannoni, l’arte di comporre e arrangiare per trasmettere emozioni

Luca Zannoni, produttore artistico e arrangiatore all'interno del Music Inside Recording Studio di Rovereto sulla Secchia, si dedica alla composizione e all'arrangiamento di brani inediti cucendo canzoni su misura per le nuove generazioni di cantanti e dice: “a volte basta un suono per rendere speciale una canzone”.

0
1138
Luca Zannoni

Un percorso di studio iniziato con il pianoforte al Conservatorio, proseguito con la ricerca nel campo degli strumenti elettronici, per poi passare agli studi in Composizione e Arrangiamento Moderno e al diploma presso il CPM (Centro Professione Musica) di Milano, per arrivare alla carriera di tastierista di numerose band, e di produttore artistico e arrangiatore all’interno del Music Inside Recording Studio di Rovereto sulla Secchia. Non bastano poche righe per riassumere tutta la carriera di Luca Zannoni, musicista carpigiano che negli ultimi anni sta dedicando gran parte delle sue energie alla composizione e all’arrangiamento di brani per radio ed etichette discografiche, ma anche per artisti in erba e appassionati. “Sono sempre di più i giovani che arrivano nel mio studio con un’idea musicale magari registrata sullo smartphone, un breve inciso cantato su una sequenza di accordi alla chitarra, oppure solo un testo scritto, chiedendomi di trasformare quell’idea in una canzone vera e propria. A partire dalla loro cellula musicale io creo un brano cercando di rispecchiare la loro identità musicale e ciò che vogliono comunicare”.

Che differenza c’è tra composizione e arrangiamento? 

“Comporre un brano musicale significa trovare, sulla base di una sequenza di accordi, la giusta melodia mettendola in metrica, rispettando il testo dall’inizio alla fine con una struttura (per esempio: strofa, bridge e ritornello) e rispettando i tempi che cambiano a seconda del destinatario. Arrangiare, invece, significa trovare il ‘vestito giusto’ per una canzone o un’opera musicale. Traducendo questa metafora, l’arte dell’arrangiamento consiste nel riuscire a trasmettere, tramite la scelta di strumenti, suoni, effetti e ambienti, il significato e l’atmosfera della canzone, colorando parole e musica con questi ingredienti. In alcuni casi l’arrangiamento è fondamentale. Basta un suono per dare personalità e unicità a un brano. Per esempio, prendendo una qualsiasi colonna sonora tra i tanti capolavori scritti e arrangiati per il cinema dal Maestro Ennio Morricone, ci si rende conto precisamente di un suono nel sottolineare l’importanza del tema e della melodia che daranno poi senso sia al film che alla musica, creando un legame indelebile per chi ascolta e guarda l’opera in questione”.

Quali sono le tappe principali che portano alla creazione di un brano?

“La prima fase è quella di pre-produzione, cioè di composizione e stesura al computer del brano, eventualmente con l’utilizzo di strumenti virtuali dove necessario. E’ il lavoro più creativo perché si deve dare l’idea e il riferimento della parte da eseguire ai musicisti che suoneranno poi dal vivo in studio o nei concerti. Dopo la pre-produzione c’è la registrazione definitiva in studio con l’apporto dei musicisti del Music Inside Recording Studio”.

Cosa consigli agli aspiranti cantanti/musicisti che si rivolgono a te?

“Di studiare musica e canto, di ascoltare tanta musica di tutti i generi e di ascoltarsi per trovare la propria strada artistica e ciò che li renderà riconoscibili”.

Chiara Sorrentino