Lega, “la gestione della Fondazione dev’essere affidata a personalità competenti”

Duro il commento di Giulio Bonzanini, consigliere comunale Lega Carpi e dell’On. Guglielmo Golinelli sui raffreddati rapporti tra la Fondazione e i due enti pubblici di Carpi e Soliera. L’auspicio della Lega è che si possa arrivare al “rinnovo di una gestione affidata a personalità competenti che abbiano a cuore il futuro della nostra comunità. Non sarebbe accettabile assistere a scelte politicamente invasive in cui la Fondazione venga trattata quale semplice destinazione in cui far svernare esponenti ed ex amministratori locali vicini al PD, quali ad esempio l'ex sindaco di Carpi Enrico Campedelli”.

0
733

“Le prese di posizione a cui abbiamo assistito in questi giorni da parte dei sindaci Solomita e Bellelli, lasciano trasparire un’invadenza politica eccessiva rispetto a una gestione fino a ieri elogiata quale esempio di fruttuosa collaborazione. Un atteggiamento piuttosto ipocrita e in contrasto con quanto detto e (non sempre) realizzato in questi ultimi mesi e anni tra i vari Enti coinvolti”. E’ duro il commento di Giulio Bonzanini, consigliere comunale Lega Carpi e dell’On. Guglielmo Golinelli sui raffreddati rapporti tra la Fondazione e i due enti pubblici. 

“Lo stesso Bellelli – proseguono i due – nonostante l’impegno economico quasi esclusivo assunto dalla Fondazione, solo pochi mesi fa rivendicò in Consiglio comunale a Carpi l’accordo contenente le opere relative al Parco Santacroce, al nuovo Palazzetto dello Sport, così come il polo universitario nell’Oltreferrovia. Progetti su cui, come Lega, fummo tra i pochi a esporre da subito dubbi e interrogativi in merito alle scadenze fin troppo ottimistiche, su cui immaginavamo ci sarebbero stati dei ritardi. Queste critiche verso la gestione di progetti tanto importanti per la città, sono state fatte proprie dai sindaci PD solo ora e per un uso politico strumentale, per contestare il quadriennio dell’attuale CdA, in previsione di un cambiamento ai vertici di loro maggiore gradimento”.

L’auspicio della Lega è che si possa arrivare al “rinnovo di una gestione affidata a personalità competenti che abbiano a cuore il futuro della nostra comunità. Non sarebbe accettabile assistere a scelte politicamente invasive in cui la Fondazione venga trattata quale semplice destinazione in cui far svernare esponenti ed ex amministratori locali vicini al PD, quali ad esempio l’ex sindaco di Carpi Enrico Campedelli”.