Visioni su carta

Va in scena presso la sede di CasaTomada, in via Matteotti, al civico 56, una Expo collettiva di arte su carta. Il vernissage è venerdì 10 dicembre, a partire dalle 19.30. Tra gli artisti partecipanti anche l’urban artist di fama internazionale LuogoComune.

0
397
Tsehay Casarini, dal realismo all’astrattismo

Nell’ambito del festival carpigiano Visioni urbane – Festival delle Arti, nato grazie alla passione, all’entusiasmo e all’intraprendenza dell’Associazione culturale Casa Tomada, in collaborazione con Seba Mat,  va ora in scena Visioni su carta: una raccolta di opere di giovani illustratori e artisti del territorio e non solo che ha l’intento di riportare al centro dell’attenzione il rapporto tra l’artista e la carta, nelle sue varie forme. Un materiale antichissimo la carta, tra i mezzi più importanti per la diffusione della cultura e che ancora oggi è quasi sempre il primo supporto su cui ciascun artista sviluppa un’idea, uno schizzo, una storia… fino a vere e proprie opere concepite con questo prezioso materiale, dalle stampe, ai collage e molto altro. 

Margherita Morellini
Gregory Palma

L’esposizione è un viaggio attraverso stili e linguaggi differenti che spaziano dall’eleganza grafica di alcuni elaborati a opere più emotive e legate all’arte dello sketch e della gestualità. L’osservatore potrà dunque scoprire come i vari artisti interpretino lo stesso supporto, la carta appunto, con un’emotività ogni volta diversamente intima e personale. La mostra, visibile fino al 24 dicembre, si propone di trasformare la sede di CasaTomada, in via Matteotti, al civico 56, in una galleria d’arte fruibile gratuitamente h24, una vetrina sul mondo della stampa artistica e dell’illustrazione su carta a disposizione dell’osservatore, nella cornice del centro storico della città e dando spazio ad artisti del territorio. Il vernissage è venerdì 10 dicembre, a partire dalle 19.30 alla presenza degli artisti.

LuogoComune
Pierpe

Tra i partecipanti vi è anche LuogoComune, urban artist di livello internazionale che ha “abbracciato la nostra idea di spazio espositivo – spiegano gli organizzatori del Festival – e con cui abbiamo lavorato a un progetto molto più ampio, in collaborazione con il Comune di Carpi e il vice sindaco Stefania Gasparini, per realizzare un grande intervento di arte urbana in via Bellentanina. Un progetto che ha già incassato l’autorizzazione da parte della Sovrintendenza e che verrà realizzato nei primi mesi della primavera 2022, durante la nuova programmazione”. Gli altri artisti in mostra sono lo street artist Seba Mat che proporrà un filone del suo lavoro legato alla carta e all’inchiostro, basi per quasi tutte le sue tavole illustrative e per la nascita dei suoi progetti artistici; l’illustratrice freelance Margherita Morellini; Tsehay Casarini, pittrice di origini etiopi che ama indagare il realismo e l’astrattismo in ogni sua forma, utilizzando diversi materiali e creare connubi tra la parte “selvaggia” delle sue radici e l’influenza italiana; Pierpe alias Giuseppe Bertozzi, illustratore e fumettista; il tatuatore Gregory Palma. Protagonisti anche l’arte visiva di Elena Pasini e il bestiario fantastico, dove simbologia e colori saranno al servizio di linguaggi intrinsechi e profondi di Davide Romanini.

Orari di apertura – Da Giovedì a Domenica / h. 16:30 – 20:30.

Seba Mat