Si è spento Agostino Rota

Si è spento nella notte, Agostino Rota, una delle anime del volontariato del territorio, e tra i fondatori dell’associazione Africa Libera. Lascia un grande vuoto nel mondo della solidarietà carpigiano.

0
1431

Si è spento nella notte Agostino Rota, una delle anime del volontariato del territorio, e tra i fondatori dell’associazione Africa Libera, nata a Carpi nel 2004, e che ancora oggi svolge attività di cooperazione internazionale in Ghana e Costa D’Avorio impegnandosi in interventi relativi a istruzione, sanità, lavoro e accesso all’acqua potabile. La scomparsa di Rota, molto attivo nel Terzo Settore, ha già raggiunto i volontari dell’associazione e gli amici, che stanno esprimendo in queste ore tutto il loro cordoglio per la notizia, che lascia un grande vuoto nel mondo della solidarietà carpigiano.

Anche la Cgil e il sindacato pensionati Spi Cgil di Modena esprimono profondo cordoglio per la scomparsa all’età di 90 anni di Agostino Rota, sindacalista di lungo corso, protagonista della vita civile, politica e sindacale dal dopoguerra a oggi nel panorama modenese e regionale, attivo nella cooperazione internazionale e negli aiuti umanitari negli Settanta e Ottanta, e dagli Anni Duemila impegnato costantemente in iniziative politico-sindacali e di volontariato a sostegno degli ultimi.

Carpigiano di origine, Agostino Rota, nasce nel 1931 in una famiglia di braccianti agricoli, comincia a lavorare giovanissimo a 14 anni nella Collettiva bracciantile di Santa Croce di Carpi (dove abita) e la sua è la storia del grande cambiamento della nostra terra a cavallo tra il Novecento e gli anni Duemila, è la storia della trasformazione del lavoro da prevalentemente agricolo a industriale, delle grandi battaglie per i diritti dei lavoratori.

“Quando avevo 14 anni, il 22 aprile 1945 il giorno della liberazione a Carpi, ho sentito i partigiani che allo scoperto ci dicevano che era finita…Da allora mi sono impegnato nel Partito, nel Sindacato Cgil, nello Spi, nell’Auser e ho lottato per migliorare per le condizioni di  vita dei lavoratori in Italia e nei paesi poveri del mondo”. Queste le parole di Rota nel libro autobiografico “Da sempre in cammino” che lo Spi Cgil provinciale ha voluto dedicargli nel 2019 nell’ambito del “Progetto Memoria” per mantenere viva la memoria delle lotte e dei protagonisti che hanno fatto la storia sindacale e hanno contribuito all’emancipazione e al progresso dei lavoratori e degli ultimi.

Rota è stato uno di questi protagonisti, la sua vita riassume bene l’impegno a tutto tondo a partire dal primo dopoguerra quando si iscrive al Pci, alla Cgil e all’Anpi (è stato anche segretario a Carpi). 

Diversi i ruoli ricoperti nel sindacato, dalla Federbraccianti ai tessili, da segretario della Camera del lavoro di Carpi a segretario provinciale degli alimentaristi e anche membro della categoria regionale. 

E’ stato anche in segreteria regionale Cgil e memorabile rimane la sua testimonianza sulla strage del 2 agosto 1980, quando fu chiamato d’urgenza da Modena, insieme ad Adelmo Bastoni, per decidere le iniziative del sindacato e dei lavoratori che si sarebbero tenuti nei giorni immediatamente dopo. Proprio quest’anno, per il 40ennale della strage, la Cgil Emilia Romagna, insieme alla propria Rete Archivi Storici, ha realizzato un docu-film in cui lo stesso Rota ricostruisce quegli avvenimenti.

Dagli Anni Ottanta, Rota si è occupato anche di cooperazione internazionale e ha lavorato per Progetto Sviluppo, la Ong della Cgil nazionale per la solidarietà ai sindacati dei paesi in via di sviluppo e dei paesi latino americani. E’ stato impegnato in missioni in Vietnam, Senegal, Iugoslavia, Nicaragua, ecc…

Negli anni Novanta e Duemila ha fatto attività nello Spi, nell’Auser e nella Libera Università per la Terza Età Natalia Ginzburg sia a livello regionale che modenese, dedicandosi in particolare all’ambito socio-sanitario.

A Carpi, dove risiedeva e dove continuava anche in questi giorni il proprio impegno, lo ricordano come una delle anime del volontariato del territorio, fondatore dell’associazione Africa Libera nata a Carpi nel 2004 per attività di cooperazione internazionale in Ghana e Costa D’Avorio.