La bottega dell’arte di Recuperandia cambia look

La piccola bottega antiquaria nata all’interno di Recuperandia, il “grande magazzino” di via Montecassino, cambia look. Grazie al tocco ricercato dei volontari Paolo Dall’Olio e Arianna Agnoletto, questo angolo dedicato all’arte e al modernariato si è trasformato in un vero e proprio salottino chic. Il “vernissage” è sabato 2 ottobre.

0
1771
Mauro Lugli, Gino Gagliotto e Paolo Dall'Olio

La piccola bottega antiquaria nata all’interno di Recuperandia, il “grande magazzino” di via Montecassino, cambia look. Grazie al tocco ricercato dei volontari Paolo Dall’Olio e Arianna Agnolettoaiutati da Alberto Mescoli, Gino Gagliotto e Mauro Lugli – questo angolo dedicato all’arte e al modernariato si è trasformato in un vero e proprio salottino chic. Cornici, stampe, quadri, fotografie, cartoline, libri d’arte e alcuni pregevoli pezzi vintage spiccano grazie a un allestimento attento e curato sin nei minimi dettagli. “Qui – spiega l’appassionato Paolo Dall’Olio – vendiamo pezzi carichi di storia, dal fascino un po’ retrò e dunque abbiamo pensato che anche lo spazio che li ospita dovesse essere suggestivo e invitante”. L’ambiente, reso ancor più caldo dall’acceso rosso pompeiano delle pareti (“colore-simbolo di una civiltà, grazie alla quale si è recuperato il più raffinato gusto decorativo antico”), rende davvero piacevole intrattenersi per curiosare tra i tanti oggetti a cui qui viene donata nuova vita.

Tra i quadri, ora suddivisi con cura, per dimensioni e soggetti, non è raro imbattersi in inattese chicche. Opere anche di autori quotati di cui qualcuno si disfa e che possono diventare un’occasione da non lasciarsi sfuggire per arredare casa con gusto o per fare un dono a chi si ama a prezzi contenuti poiché, prosegue Paolo Dall’Olio, “la filosofia di Recuperandia è quella di rimettere a disposizione oggetti a prezzi accessibili a tutti”. Economicità però non è certo sinonimo di trascuratezza, al contrario qui la bellezza e la cura del dettaglio sono di casa, perchè “l’estetica – sorride Paolo – è importante e in questo luogo l’arte è davvero alla portata di chiunque”. Soddisfatto il direttore Massimo Melegari poiché il restyling di “questo angolo ci consente di valorizzare al meglio e con maggiore funzionalità ogni pezzo e di rimetterlo così in circolo”. Uno spazio, questo, dalle molteplici potenzialità e che, conclude Dall’Olio, “potrà ospitare aste ed eventi per richiamare un numero sempre maggiore di persone”. Appassionati ed estimatori d’arte e caccia di perle vintage o clienti abituali del grande magazzino più amato di Carpi desiderosi di riempirsi gli occhi – e la casa – di bellezza. Il “vernissage” a cui sono tutti invitati è sabato 2 ottobre.

Jessica Bianchi