Ritorna l’estate de La ValigiaNarrante tra storie e natura

Sono ripartiti i laboratori estivi per bambini de LaValigiaNarrante, il contenitore narrativo di esperienze all'aperto ideato da Francesca Santandrea, educatrice e promotrice di esperienze creative per l'infanzia.

0
693
Asia Franchetto e Francesca Santandrea

La ValigiaNarrante, il contenitore narrativo di esperienze all’aperto ideato da Francesca Santandrea, educatrice e promotrice di esperienze creative per l’infanzia, non si è mai fermata (fatta eccezione per la seconda chiusura forzata) nonostante le restrizioni causate dalla pandemia e forse anche per queste limitazioni il centro ludico-ricreativo ha sentito la necessità di continuare, nel rispetto di tutte le normative vigenti, i laboratori all’aperto. 

Dallo scorso settembre, con la ripartenza delle scuole, la ValigiaNarrante ha creato un appuntamento fisso il sabato mattina, nella campagna di Migliarina e nei parchi pubblici per realizzare i suoi laboratori itineranti accompagnati da albi illustrati che guidano e integrano le esperienze. Non sono mancati il freddo, la nebbia, l’umidità e il vento che hanno accompagnato i sabati d’inverno, ma gli esploratori della ValigiaNarrante non si sono fatti spaventare, carichi di zaino ed equipaggiamento adeguato, e hanno vissuto esperienze ricche di emozioni e di nuove abilità conquistate. E ora, con l’estate gli incontri si sono intensificati. Infatti, è possibile partecipare ai laboratori durante tutta la settimana al mattino e al pomeriggio insieme al consueto appuntamento del sabato. Le attività del centro ludico-ricreativo si rivolgono a bambini dai 3 agli 8 anni, e sono supportate dalla collaborazione di Asia Franchetto, diplomata in Perito Agrario all’Istituto Tecnico Agrario e laurenda in Scienze dell’Educazione, oltre che insegnante di ginnastica ritmica.

Che tipo di esperienza educativa propone La ValigiaNarrante?

“La ValigiaNarrante promuove un’educazione attiva all’aria aperta attraverso esperienze conoscitive in grado di far vivere l’ambiente esterno secondo natura. Lo spazio esterno si offre come ambiente di apprendimento per tutti i campi d’esperienza, assumendo la centralità del gioco sia nelle forme spontanee che in quelle intenzionali e guidate. L’esigenza di elaborare linee guida verdi dando valore all’esterno è rivolta a una nuova consapevolezza indirizzata ai bambini nel rispetto e nei confronti del mondo.  In un tempo sensibile come quello che stiamo vivendo, dove il concetto di cura sentimentale e relazionale ha sentito maggiori connessioni, ecco che questo concetto deve essere rivolto a una realtà esistenziale che in questo momento è in forte affanno. Ogni esperienza all’aperto non vuole essere fine a se stessa ma rivolta a un messaggio più grande e oggi non più trascurabile: la relazione con l’ambiente esterno non si deve limitare alla scoperta e conoscenza ma anche al prendersi cura”.

In che modo la lettura di albi illustrati si inserisce in questa esperienza educativa?

“La ValigiaNarrante è un contenitore narrativo e come sempre cerca di calare l’esperienza all’aria aperto all’interno di albi illustrati e viceversa, creando contesti d’interesse rivolti ai bambini in grado di attivare dinamiche di gioco in modo attivo, creativo, autonomo. La ValigiaNarrante nelle dinamiche laboratoriali dà molto spazio alla spontaneità dell’agire dei bambini, stimolandoli a essere artefici di un loro prodotto: valorizzare e conservare il materiale recuperato attraverso la realizzazione di musei all’aperto, che continuano ad essere piccoli atelier in continuo divenire”.

Ci sono novità in programma?

“Per settembre la ValigiaNarrante ha in programma di promuovere appuntamenti laboratoriali rivolti a bambini e genitori dove verranno condivise letture in campagna o al parco e esplorazioni in bicicletta”.

Chiara Sorrentino