La Fondazione premia le tre migliori tesi di laurea: “i giovani devono aspirare all’eccellenza”

Dalla Fondazione CR Carpi tre premi del valore di 2.500 euro ciascuno, per le migliori tesi di laurea delle aree umanistica-economica, medica-biologica e scientifico – tecnologica discusse presso l’Università di Modena e Reggio Emilia da studenti con residenza nei comuni di Carpi, Novi di Modena o Soliera.

0
348
presidente della Fondazione CR Carpi, Corrado Faglioni

Come ogni anno, Fondazione CR Carpi e Unimore promuovono un concorso per riconoscere il merito di tre giovani eccellenze del territorio carpigiano e assegnare loro premi del valore di 2.500 euro ciascuno, per le migliori tesi di laurea discusse presso l’Università di Modena e Reggio Emilia da studenti con residenza nei comuni di Carpi, Novi di Modena o Soliera.

Si tratta del Premio Donata Testi per le tesi di Area umanistica-economica, del Premio Carlo Carapezzi per le tesi di Area medica-biologica e del Premio Fondazione CR Carpi per le tesi di Area scientifico – tecnologica.

“Vogliamo dare sempre maggior importanza al riconoscimento del merito dimostrato dai giovani del territorio. L’anno trascorso – sottolinea il presidente della Fondazione CR Carpi, Corrado Faglioni – connotato da difficoltà umane evidenti per il contesto di lockdown cui ci ha costretti il Covid, ha posto ostacoli nuovi ai giovani impegnati negli studi. Crediamo quindi che, ancor più quest’anno, il riconoscimento della Fondazione, a chi si è distinto nel percorso didattico, sia un incentivo importante per trovare nuovi stimoli e rinnovata convinzione, per aspirare ai migliori risultati nel campo degli studi e un domani sul mondo del lavoro, nel quale attendiamo giovani competenti, validi e mentalmente competitivi come lo è il contesto economico-sociale nel quale viviamo. La Fondazione porterà anche una laurea magistrale a Carpi, con la collaborazione di Unimore, e svilupperà un polo di formazione dove poter coltivare sul territorio competenze e stimoli culturali e tecnici. Anche questa nuova iniziativa – conclude il presidente – sarà volta a ricercare l’eccellenza, la quale è un’aspirazione che si coltiva sin da giovani, e a essa è necessario tendere per migliorare se stessi, il mondo che ci circonda e le persone che vivono accanto a noi”.

“Siamo molto grati alla Fondazione che, anche in un anno tanto complesso – afferma Carlo Adolfo Porro, Rettore dell’Università di Modena e Reggio Emilia – ha deciso di rinnovare la ormai apprezzatissima tradizione del premio per le migliori tesi di laurea discusse nell’anno 2020. Un segno tangibile del sincero spirito di collaborazione tra Ateneo e Territorio”.

I requisisti per la partecipazione al bando sono: la residenza, alla data della laurea, nei comuni di Carpi, Novi di Modena e Soliera; il conseguimento di una laurea magistrale o a ciclo unico nel corso dell’anno solare 2020 una tesi particolarmente meritevole per quanto riguarda aspetti innovativi e/o sperimentali e una concreta ricaduta nell’ambito di studio. La votazione non deve essere inferiore a 110/110 e la votazione media degli esami (pesata sui cfu) non inferiore a 28/30.

Per partecipare al bando non vi sono moduli da compilare o richieste da sottoscrivere da parte dei singoli candidati neolaureati, perché ciascuna area interdipartimetale dell’Ateneo di Modena e Reggio Emilia provvederà a selezionare le tesi con procedura interna, anche con l’ausilio dei relatori delle singole tesi di laurea; i quali dovranno proporre i candidati mediante lettera di presentazione, insieme ai dati dei candidati.

I Dipartimenti di Unimore coinvolti selezioneranno un massimo di tre tesi per Area disciplinare, che verranno trasmesse, entro lunedì 5 aprile, a un’apposita commissione giudicatrice, costituita da tre docenti Unimore, in rappresentanza di ciascuna Area e due rappresentanti della Fondazione CR Carpi, che individuerà le tesi vincitrici entro venerdì 30 aprile 2021.

Per maggiori informazioni, il bando completo può essere consultato su www.fondazionecrcarpi.it e su www.unimore.it