Da lunedì 8 marzo stop a nidi e scuole di infanzia

Nella giornata di oggi si sono riuniti on line tutti i gestori dei servizi 0-6 anni comunali, statali e privati dell’Unione Terre d’Argine per confrontarsi e coordinarsi.

0
994

Sono sospese le attività di tutte le scuole di ogni ordine e grado e, a partire dal prossimo lunedì 8 marzo, anche quelle di nidi e scuole di infanzia.

Nella giornata di oggi si sono riuniti on line tutti i gestori dei servizi 0-6 anni comunali, statali e privati dell’Unione Terre d’Argine per confrontarsi e coordinarsi. Queste sono state le principali decisioni assunte di comune accordo per la riorganizzazione dei servizi:

1. Tutti i gestori pubblici e privati organizzeranno da lunedì 8 marzo l’accoglienza in presenza dei bambini con disabilità certificata, in base alle richieste e alle esigenze manifestate dalle famiglie. Per garantire il più possibile la continuità educativa, nelle strutture che rimarranno aperte, saranno se possibile presenti gli abituali insegnanti ed educatori. Tale accoglienza sarà in orario antimeridiano (di norma dal mattino fino alle 12.30-13), prevedendo per i bambini una merenda.

2. Si cercherà di organizzare per tutti i bambini forme di educazione a distanza e di contatto con i bambini e le famiglie, pur nella consapevolezza che questa modalità risulti non del tutto idonea dal punto di vista educativo per bimbi così piccoli.

3. Rispetto alla nota di ieri del Ministero dell’Istruzione relativamente alla applicabilità “della presenza… degli alunni e studenti figli di personale sanitario o di altre categorie di lavoratori, le cui prestazioni siano ritenute indispensabili per la garanzia dei bisogni essenziali della popolazione”, i gestori hanno concordato sulla necessità di ricevere una nota formale di chiarimento in ordine alla precisa definizione delle procedure e responsabilità da seguire per la valutazione e l’inclusione di tali categorie, all’applicazione o meno a entrambi i genitori o solo ad uno, alla specifica di quali sono le cd. altre categorie “essenziali”.