“Da grande voglio fare la scrittrice”

E’ in libreria il primo libro dell’autrice e illustratrice carpigiana Laura Tosi: dieci anni e una grande passione per la scrittura.

0
1095
Laura Tosi

Ha solo dieci anni la piccola Laura Tosi ma ha le idee chiare e da tempo accarezza un sogno: “diventare una scrittrice”.
Un desiderio che non è certo chiuso in fondo a un cassetto, nonostante la giovane età infatti, Laura ha appena dato alle stampe il suo primo libro: I miei vicini, un cartonato edito da Etabeta (disponibile in libreria e nei maggior store on line) scritto e interamente illustrato dall’entusiasta autrice esordiente.


“Mi è sempre piaciuto disegnare e per fortuna sono brava a farlo ma amo anche scrivere e, quest’anno, frequentando la quinta elementare, sono molto migliorata e quindi ho deciso di provare a scrivere una storia. A causa del Covid purtroppo siamo rimasti a lungo a casa da scuola e allora, un pomeriggio in cui ero particolarmente annoiata, ho iniziato a sperimentare una nuova tecnica basata sulle impronte digitali. Tutto è cominciato così, con dei timbri a colori fatti con le dita sulla carta e le forme, pian piano, hanno preso vita. Il mio libro, grazie al sostegno della mia mamma Valeria, che mi ha aiutata a comporlo, è nato così”.

La piccola Laura con Giuliano della Libreria La Fenice

Un po’ per gioco e un po’ per far fronte alle lunghe giornate chiusa in casa.
Per Laura scrivere è importante perché, racconta, “mi permette di liberare i pensieri, le idee e le mie emozioni”.
Ma come è nata questa deliziosa storia? Chi sono i protagonisti Emma e Diamante?
“L’idea mi è venuta sbirciando fuori dalla finestra e guardando i miei vicini appunto. Nel libro racconto la vita di una coppia ma ovviamente la storia me la sono un po’ inventata. Marito e moglie vivono tante avventure… credo sia originale”, sorride la piccola autrice.
Naturalmente Laura è già al lavoro: “ho un sacco di testi che mi piacerebbe pubblicare ma al momento vorrei fare il sequel de I miei vicini con tante nuove avventure”.
Laura come tanti altri bimbi è ora nuovamente confinata tra le mura domestiche: “a me piace tantissimo andare a scuola e sono molto triste perché ora non posso vedere i miei amici né confrontarmi con loro. Però sono fortunata perché so disegnare bene e mi piace scrivere, di certo non mi annoierò più”.
Jessica Bianchi