Infortunio mortale in un’azienda di Carpi

Infortunio mortale alla Lormar di Carpi. Un magazziniere quarantenne per cause ancora in corso di accertamento è rimasto schiacciato tra due autocarri nel piazzale antistante il magazzino dell’azienda. Sul posto i Carabinieri di Carpi per gli accertamenti.

0
7063

Infortunio mortale oggi alla Lormar di Carpi. Un magazziniere quarantenne per cause ancora in corso di accertamento è rimasto schiacciato tra due autocarri nel piazzale antistante il magazzino dell’azienda. Sul posto i Carabinieri di Carpi per gli accertamenti.

“Troppo spesso viene data la precedenza alla velocità e urgenza del lavoro a scapito della sicurezza”, commenta Roberto Giardiello, sindacalista della Femca Cisl Emilia Centrale. “Nelle aziende del tessile-abbigliamento si alternano momenti di relativa calma ad altri di forte intensità lavorativa – spiega Giardiello – I ritmi diventano frenetici e si incontrano difficoltà nell’organizzazione del lavoro. In questi casi si rischia di trascurare la prevenzione e sicurezza perché bisogna produrre e consegnare il più in fretta possibile. È necessario che tutte le aziende rimettano al centro dell’attenzione la salute e la sicurezza sul lavoro, con norme di comportamento chiare e rigorose che tutti sono chiamati a rispettare puntualmente”. Il sindacalista dei tessili Cisl sottolinea che sono particolarmente a rischio le attività connesse alla logistica. Per questo tutti i diversi soggetti che entrano e lavorano nelle aziende (appaltatori, artigiani, corrieri, trasportatori, ecc.) devono essere formati e informati preventivamente sulle procedure di sicurezza, sulle quali devono vigilare le imprese appaltanti. “Questo tragico infortunio, la cui dinamica e responsabilità saranno accertate dagli organi competenti, deve far crescere l’impegno di tutti, a partire dalle direzioni aziendali, affinché la salute e sicurezza sul lavoro abbiano la massima priorità e – conclude Roberto Giardiello, rivolgendo le condoglianze della Femca Cisl Emilia Centrale ai familiari della vittima – mai più le persone si facciano male o perdano la vita mentre lavorano”.

Non è invece in pericolo di vita l’operaio che questa mattina, intorno alle 11, presso una ditta di autotrasporti in via dei maniscalchi, mentre eseguiva dei lavori di manutenzione all’impianto antincendio, a causa del cedimento del soppalco in cartongesso, è precipitato da una altezza di circa quattro metri, nel locale sottostante adibito a bagno, sbattendo contro i sanitari. L’uomo è stato trasportato con elisoccorso presso l’Ospedale di Baggiovara.