Bambini e lockdown: dar voce ai più piccoli attraverso il disegno libero

Giovedì 24 settembre, presso la sala dei 600 a Carpi, alle 18.30, il preside Claudio Cavazzuti introdurrà il progetto di ricerca a cura di Vedere Voci Plus e del TauLab di Carpi che si è svolto durante i mesi di lockdown scolastici e che ha interessato in particolare una classe elementare della sua scuola Sacro Cuore e una classe elementare della scuola Figlie della Provvidenza di Carpi.

0
545

Giovedì 24 settembre, presso la sala dei 600 a Carpi, alle 18.30, il preside Claudio Cavazzuti introdurrà il progetto di ricerca a cura di Vedere Voci Plus e del TauLab di Carpi che si è svolto durante i mesi di lockdown scolastici e che ha interessato in particolare una classe elementare della sua scuola Sacro Cuore e una classe elementare della scuola Figlie della Provvidenza di Carpi. Il progetto di ricerca Dar voce ai bambini attraverso il disegno libero è un piccolo ma significativo contributo a favore dei bambini che sono stati sicuramente la fascia di popolazione più dimenticata e che più ha sofferto della mancanza di relazioni sociali familiari, amicali e scolastiche a causa del Covid19. Gli esiti della ricerca saranno esposti alla conferenza dalla dottoressa Maria Teresa Cardarelli, artista e arti terapeuta, nonché responsabile del progetto Vedere Voci Plus. Durante l’incontro il Leo Club di Carpi, sostenitore del progetto, consegnerà ad una delegazione di entrambe le scuole i teli con la riproduzione dei disegni dei bambini partecipanti, denominati “T3” in quanto potranno essere utilizzati come Tappeti, Tovaglie e Tableau per attivare laboratori per la ripresa scolastica. Alla sua sesta edizione Vedere Voci Plus, progetto di MusicArTerapia nella Globalità dei Linguaggi e di Teatro-fiaba con le carte per bambini sordi e udenti dai 6 ai 10 anni ha varcato le soglie della scuola Divina Provvidenza, interessando un’altra realtà scolastica affine, dove l’attenzione ai problemi dell’handicap è molto presente. Durante la conferenza sarà presente anche un interprete LIS (lingua dei Segni Italiana) per dar modo ai sordi di seguire agevolmente l’incontro a cui parteciperà anche un’operatrice sorda del progetto Vedere Voci Plus che parlerà dell’importanza cruciale dell’ assistente alla comunicazione per i bambini sordi a livello scolastico. La presente ricerca ha avuto il patrocinio dell’AIMAT – Associazione Italiana MusicArTerapeuti.
L’iniziativa è a ingresso libero fino a esaurimento posti contingentati.