L’appello ai Comuni: “Considerate giustificate le assenze degli ambulanti dai mercati”

Alcuni operatori, in particolare quelli in età avanzata, hanno remore nel presentarsi nei mercati per timore del Covid 19: Anva Confesercenti e Fiva Confcommercio chiedono ai Comuni che si ritengano giustificate queste assenze fino alla cessazione dello stato di emergenza.

0
497

L’emergenza Covid 19 è ancora lontano dall’essere superata. I casi stanno nuovamente aumentando e, con essi, aumentano anche le preoccupazioni degli operatori sulle aree pubbliche. ANVA Confesercenti e FIVA Confcommercio hanno richiesto ai Comuni di rendere “giustificata” l’assenza dai mercati degli ambulanti che, in particolare per via dell’età avanzata, hanno forti remore nel presentarsi nei mercati per timore di contrarre il virus ma che, comunque, presenziano per non rischiare di vedersi revocata la concessione.
Durante il periodo di lockdown, quando i mercati settimanali erano sospesi, la Regione Emilia Romagna aveva già, con propria delibera, deciso di non fare conteggiare le assenze degli operatori. Poi, a seguito delle riaperture, questa possibilità è venuta meno. Da delibera del Governo lo stato di emergenza è stato protratto almeno fino al 15 di ottobre, di conseguenza ANVA Confesercenti e FIVA Confcommercio hanno chiesto alle amministrazioni comunali che si ritengano giustificate le assenze dei concessionari dei posteggi nei mercati fino a questa data.