Campogalliano: esonero dalla Cosap per tutto il 2020

Provvedimento del Comune a supporto di artigiani, commercianti e mercatali

0
494

Esenzione Cosap per imprese di pubblico esercizio, commercianti e artigiani. Lo ha deliberato, con voto unanime, il Consiglio Comunale di Campogalliano, giovedì 25 giugno. Il provvedimento, valido per tutto il 2020, esonera dal pagamento del Canone per l’occupazione di spazi ed aree pubbliche, ed è applicato sia alle richieste di occupazione precedentemente autorizzate sia a quelle nuove, molte delle quali nate dall’esigenza di garantire il distanziamento fisico richiesto dagli attuali standard sanitari. La decisione rientra tra le azioni dell’amministrazione finalizzate ad alleggerire, nell’attuale contesto di emergenza epidemiologica, la pressione della fiscalità locale.

 

“Questa misura,  è solo l’inizio di una più ampia manovra di defiscalizzazione – commenta Daniela Tebasti, vicesindaca e assessora al Bilancio – per la quale destineremo un fondo di 134.000 euro, ricavato dall’avanzo di amministrazione del 2019. Vogliamo sostenere il più possibile il nostro tessuto economico locale in questa fase di ripresa dal periodo emergenziale. Scontare l’intero canone Cosap per il 2020, agli ambulanti e alle attività commerciali di vicinato, va nella direzione di stare accanto, il più possibile, a cittadini e imprese”.

L’esenzione Cosap è conseguenza di un percorso intrapreso dall’amministrazione con le associazioni di categoria e i commercianti. Un dialogo diventato ancora più diretto in questa fase emergenziale: incontri e videoconferenze hanno permesso di condividere idee e criticità del momento, raccogliendo concretamente – attraverso un avviso di manifestazione d’interesse – i bisogni degli esercenti legati alla salvaguardia delle proprie attività.

Ciò ha determinato l’impegno dell’amministrazione a garantire rapidità e semplificazione delle pratiche, necessarie all’ampliamento dell’occupazione di suolo pubblico mediante ombrelloni, tavolini e panchine, favorendo  il rispetto del distanziamento fisico tra i cittadini avventori ma senza gravare economicamente sugli esercenti.