Aimag, motore della ripartenza

Nell’ambito dei festeggiamenti del suo 50esimo compleanno, Aimag ha organizzato il webinar “Strategia per il futuro dopo l’emergenza sanitaria” a cui hanno partecipato Cpl Concordia, B.Braun, Garc e Pretty Mode

0
500

A fare gli onori di casa è stata la Presidente di Aimag Monica Borghi che sulla piattaforma online ha introdotto giovedì 25 giugno il webinar “Le strategie per il futuro dopo l’emergenza sanitaria” organizzato nell’ambito dei festeggiamenti in occasione del 50esimo compleanno dell’azienda.

“Il programma ha inevitabilmente subito delle modifiche a causa dell’epidemia per cui tante iniziative sono state rimandate a settembre ma dopo il convegno del 6 marzo per la presentazione del piano industriale e della sostenibilità ci ritroviamo con importanti aziende del territorio per un confronto su come hanno gestito l’emergenza sanitaria e per guardare al futuro. Aimag rappresenta un motore trainante della ripartenza”.

Alle aziende è stato riservato ampio spazio affinché potessero raccontare questi mesi difficili e come hanno impostato la ripartenza.

“La nostra priorità era quella di assicurare la massima puntualità nel servizio ai clienti su tutto il territorio nazionale in particolare per quel riguarda l’attività di efficientamento energetico e di gestione del gas metano – spiega Paolo Barbieri, presidente Cpl Concordia – e fin da subito ci siamo confrontati per individuare quali modalità attivare e, soprattutto, abbiamo fatto squadra”.

A parlare di grande unità è anche Wendy Saraceni, CFO presso Garc. “Raccontare adesso ciò che abbiamo vissuto è più facile rispetto ai mesi scorsi ma resta una ferita più profonda come un segno indelebile nella nostra vita lavorativa e personale per la perdita di Giorgio Grillenzoni. In quei giorni tutti si sono attivati e reinventati a tempo di record per garantire la continuità dell’attività lavorativa. Nei giorni della chiusura ci siamo sentiti uniti anche se lontani e questo è motivo di grande orgoglio”.

La B.Braun, azienda biomedicale di MIrandola, ha dovuto affrontare un’accellerazione importante della propria attività e per Sara Boldrini,Direttore Human Resources “siamo stati chiamati a un doppio sforzo: rafforzare la produzione con inserimento di nuovo personale perché i. nostri dispositivi erano necessari per le terapie intensive e supportare i clienti a distanza in un contesto particolarmente complicato”.

Infine Stefano Forti, titolare di Pretty Mode, ha raccontato l’esperienza di riconversione di un’azienda tessile dalla produzione di abbigliamento a quella delle mascherine

Anche la reazione di Aimag è stata tempestiva e fondamentale come ha spiegato il Direttore Generale Davide De Battisti ricordando l’attivazione del nuovo servizio per la raccolta di rifiuti contaminati dal covid, il supporto psicologico a distanza per i dipendenti, le iniziative per i clienti (dalla sospensione delle morosità all’implementazione delle misure per famiglie e imprese).

Il confronto ha permesso ad Aimag di relazionarsi con le aziende presenti in piattaforma per conoscere le nuove modalità su cui è stata impostata la ripartenza e per elaborare le strategie che siano utili al territorio nel futuro.

Tutte le aziende hanno implementato le strategie per il futuro nel medio e lungo periodo investendo nell’innovazione e negli impatti ambientali puntando alla sostenibilità del loro agire d’impresa.
Garc è la prima azienda italiana certificata Be Corp per esempio. Le B Corp, o B Corporation, sono aziende che stanno riscrivendo il modo di fare impresa: questo perché la loro attività economica crea un impatto positivo su persone e ambiente. Tutto questo, mentre genera profitto. Pretty Mode dopo aver prodotto mascherine monouso sta lavorando per quelle lavabili in modo tale che diminuisca la quantità di rifiuto che si sta producendo in questo contesto sanitario. Aimag, infine, ha illustrato il suo piano industriale e gli oltre 300 milioni di investimenti per una crescita sostenibile del territorio nei settori acqua (ammodernamento delle infrastrutture acquedottistiche, fognarie e di depurazione), rifiuti (valorizzare la filiera della raccolta differenziata e del recupero di materia con i nostri impianti) ed energia (aumento della produzione di energia da fonte rinnovabile).

Tutte le aziende hanno implementato le strategie per il futuro nel medio e lungo periodo investendo nell’innovazione e negli impatti ambientali puntando alla sostenibilità del loro agire d’impresa.
Garc è la prima azienda italiana certificata Be Corp per esempio. Le B Corp, o B Corporation, sono aziende che stanno riscrivendo il modo di fare impresa: questo perché la loro attività economica crea un impatto positivo su persone e ambiente. Tutto questo, mentre genera profitto. Pretty Mode dopo aver prodotto mascherine monouso sta lavorando per quelle lavabili in modo tale che diminuisca la quantità di rifiuto che si sta producendo in questo contesto sanitario. Aimag, infine, ha illustrato il suo piano industriale e gli oltre 300 milioni di investimenti per una crescita sostenibile del territorio nei settori acqua (ammodernamento delle infrastrutture acquedottistiche, fognarie e di depurazione), rifiuti (valorizzare la filiera della raccolta differenziata e del recupero di materia con i nostri impianti) ed energia (aumento della produzione di energia da fonte rinnovabile).