Le freccette conquistano Carpi!

Il 26 e 27 ottobre, presso la Polivalente Forum a Bastiglia, per la prima volta in provincia di Modena, si terrà la prima tappa nazionale del Grand Prix Emilia Romagna di freccette

0
431

Una leggenda popolare narra che i primi a praticare un’attività simile allo sport delle freccette siano stati i Padri Pellegrini imbarcati sulla Mayflower, la nave inglese diretta negli Stati Uniti nel 1620. Da allora questo sport si è diffuso in tutto il mondo e da circa vent’anni in provincia di Modena vi sono pionieri di questa disciplina. “La ASD Nuova Modena Darts – spiega il presidente carpigiano Alessandro Mora – riunisce i giocatori della nostra provincia (circa 170 i tesserati) nel gioco delle freccette, in campionati gestiti dalla Fidart, Asd Freccette Italia Darts affiliata alla Federazione Italiana Giochi e Sport Tradizionali, riconosciuta dal Coni. Ogni anno si svolgono due campionati, uno primaverile di carattere provinciale e uno invernale nazionale. In ambito provinciale le squadre si danno battaglia all’interno di alcuni locali, da Bomporto a Pavullo. A gennaio, poi, si disputa la finale italiana, dove squadre provenienti da ogni angolo del Paese, si contendono il titolo di campione italiano. L’obiettivo della ASD Nuova Modena Darts, oltre a sostenere e far crescere i propri giocatori tramite l’organizzazione di tornei locali, è quello di promuovere questo popolarissimo sport affinché un numero sempre crescente di persone vi si possa appassionare. Il gioco in sé prevede concentrazione e allenamento: “accanto all’aspetto ludico e goliardico – aggiunge la giocatrice Linda Galli – chi si avvicina a questa pratica impara a mettersi alla prova. Le freccette, infatti, sono prima di tutto un gioco mentale, nel quale la concentrazione e la gestione dello stress sono fondamentali. Poco prima del tiro ci si deve estraniare dal contesto, spesso rumoroso, e per riuscirci occorrono tempo e allenamento, ma la sfida è avvincente. E’ impossibile non amare questo sport”. Il soft darts, nel quale le freccette hanno la punta in plastica, ha anche il merito di unire persone di tutte le età, “dai 60 ai 15 anni”, prosegue Alessandro Mora. A Carpi, le squadre sono tre e si allenano al Bar Stadio, al Biergarten e allo Zazza Bar: “l’aspetto aggregativo è importante. Nel proprio team si stringono relazioni, amicizie… ci si diverte insieme ma anche coi componenti delle altre squadre vi sono fair play e una sana competizione. Prima di iniziare ci si stringe la mano, così come al termine della gara: è un po’ come nel rugby, tra i giocatori di freccette il terzo tempo è la norma”, sorridono Linda e Alessandro. Il 26 e 27 ottobre, presso la Polivalente Forum a Bastiglia, per la prima volta in provincia di Modena, si terrà la prima tappa nazionale del Grand Prix Emilia Romagna di freccette. Nella giornata di sabato le squadre partecipanti disputeranno la Coppa Italia mentre la domenica a scendere in campo saranno i singoli giocatori suddivisi nelle varie categorie, ai fini di stilare una classifica e individuare i migliori del Belpaese. Buon tiro a tutti!

Jessica Bianchi