Il genio di Leonardo, sulla facciata del Vinci

0
359

Il segno grafico è la sua forza. La sua firma, ma dopo aver visto fiorire su un muro di viale De Amicicis, il suo straordinario Don Chisciotte, per i carpigiani, lo street artist Sebastiano, in arte Mat!, 28 anni, di Novi di Modena, non ha più segreti.
Nei giorni scorsi Sebastiano si è cimentato in un’altra impresa all’Istituto tecnico Leonardo da Vinci: “una sfida complessa – sorride –  ma ogni muro ti mette alla prova”.
“Dopo aver visto il lavoro che Sebastiano ha fatto qualche anno fa al Liceo Fanti abbiamo immediatamente capito che lui era l’artista giusto per noi e, dopo aver ottenuto il via libera alla Provincia e incassato l’ok del Consiglio d’Istituto, questa avventura ha avuto inizio”, spiega la docente del Vinci, Simona Fregni. Quest’anno, infatti, aggiunge il dirigente scolastico Marcello Miselli, “ricorrono sia il quarantesimo anno dalla fondazione del nostro istituto che il cinquecentenario della morte di Leonardo da Vinci. Quale miglior occasione dunque per festeggiare e rendere questa scuola ancor più bella e colorata?”.
Vari i bozzetti presentati da Sebastiano, a tema squisitamente leonardiano, ma a spuntarla è stato uno dei capolavori del genio toscano, l’uomo vitruviano: perfetta sintesi tra arte e scienza. “Ho voluto creare un mash-up – racconta Seba – sul muro, in corrispondenza dell’ingresso dei ragazzi, accanto a nuvole, tratteggi e al mio immancabile giallo, si possono scorgere alcune delle macchine ideate e disegnate da Leonardo e, in sottofondo, l’immagine dell’uomo vitruviano”.  Nulla è più potente dell’arte che racconta la tecnica.
Jessica Bianchi