Donare è un pilastro del vivere civile

0
166

Non so per chi, ma so perché: questo slogan, promosso da Avis e Aido, incarna perfettamente lo spirito del ricco calendario di eventi costruito in occasione della Settimana del dono, in programma dall’1 al 7 ottobre a Carpi. “Uno straordinario viaggio  attraverso i cinque sensi”, spiega Emmanuel Pinto de I Giovani per Carpi, tra gli ideatori e promotori della settimana, che tenterà di “mostrare quanto il dono sia un elemento fondante della nostra comunità”, ha sottolineato l’assessore alle Politiche scolastiche, Stefania Gasparini. Un calendario di eventi che diventa sempre più “ricco e ambizioso, – ha commentato il presidente della Casa del Volontariato, Nicola Marino – grazie all’entusiasmo e alla passione de I Giovani per Carpi. In una cultura dominata da logiche utilitaristiche, rilanciare il concetto di gratuità come pilastro del vivere civile è tutt’altro che marginale. L’auspicio è quello di rendere la cittadinanza maggiormente consapevole di come non possano esistere sviluppo e coesione sociale senza reciprocità e solidarietà”. 

Una settimana densa di eventi, le cui parole chiave sono “donare, ricevere e ricambiare”, sorride il coordinatore  Ernesto Giocolano, “poiché si sa, il dono crea relazioni e, quindi, riscoprirne il senso, lo spirito, è fondamentale”. 

Si inizia lunedì 1° ottobre in Auditorium San Rocco con un convegno sul dono promosso insieme alla Fondazione Casa del Volontariato. La mattina dalle 10.30 l’incontro sarà riservato alle scuole e la sera, dalle 20.30, aperto a tutta la cittadinanza. Se alla mattina a rivolgersi agli studenti sarà il direttore di VolontariatoOggi Giulio Sensi insieme all’Onorevole Edoardo Patriarca, presidente dell’Istituto italiano della donazione e tra i principali estensori della legge che, nel 2015, ha istituito il Giorno del dono, alla sera il parlamentare carpigiano sarà affiancato dallo psicologo Roberto Mauri. Nel corso dell’iniziativa saranno presentate anche le testimonianze dirette di volontari che hanno scelto di donare tempo, energia e attenzioni al prossimo. 

La giornata di martedì 2 ottobre sarà dedicata al gusto, con un aperitivo multietnico promosso, alle 18 presso lo spazio giovani Mac’è, dalla Consulta per l’Integrazione, cui farà seguito, alle 20.30 nello stesso luogo, una lezione sul Visual food con la  chef Rita Loccisano.

Le iniziative di mercoledì 3 ottobre si svolgeranno invece all’insegna del tatto, con ‘abbracci gratuiti’ donati dai volontari, a partire dalle 16 in Piazza Martiri e contemporaneamente presso il Centro commerciale Borgogioioso. 

All’udito saranno poi dedicati gli eventi di giovedì 4 ottobre, giornata che sarà aperta, alle 10.30, da un convegno sulla prevenzione dell’udito promosso dall’associazione ASI – Affrontiamo la Sordità Insieme presso l’Aula magna dell’Istituto Vallauri, mentre alle 16 l’associazione metterà a disposizione screening dell’udito e consulenza gratuiti alla presenza di audioprotesisti in Piazza Martiri e in contemporanea al Borgogioioso, i Giovani per Carpi allestiranno delle postazioni di ascolto per chiunque voglia raccontare loro qualcosa, mentre altri ragazzi, i ‘libri parlanti’, racconteranno, a chi voglia ascoltare, le proprie esperienze di caregiver. 

Ma cosa significa donare, per i cittadini di Carpi? È questo che, in occasione del Giorno del dono, cercheranno di scoprire i ragazzi delle scuole secondarie di primo grado di Carpi insieme ad Andrea Barbi, in Donare per me è…, iniziativa promossa dalla Fondazione Casa del Volontariato in collaborazione con il Centro Servizi per il Volontariato. 

Ai ragazzi delle scuole secondarie di primo grado e delle scuole primarie sarà chiesto di produrre un elaborato grafico e/o scritto sul tema: gli elaborati pervenuti saranno esposti nella settimana dall’1 al 7 ottobre sotto il portico del Grano e nella Torre dell’Uccelliera a Carpi, con degli spazi bianchi appositamente lasciati per poter essere riempiti dai cittadini. Il 4 ottobre Andrea Barbi realizzerà, insieme alle telecamere di Trc, una serie di interviste per comprendere quanti sono a conoscenza del Giorno del dono e del suo significato. 

Alle 20, poi, presso l’MK Live Club di via Burzacca 2/D avrà luogo un’esibizione di band musicali, mentre alla stessa ora, al Centro sociale Guerzoni di via Genova, si svolgerà la Cena al buio, in cui i commensali, immersi nella completa oscurità, potranno gustare le pietanze serviti e assistiti da camerieri non vedenti, rendendosi così conto, almeno in parte, di cosa significhi essere ciechi (Costo a partecipante: euro 35. Parte del ricavato sarà devoluto in beneficenza). 

Sarà quindi la volta dell’olfatto, venerdì 5 ottobre, dalle 17 alle 20 presso via Duomo 25, Dalle essenze, al profumo al dono, laboratorio olfattivo condotto da Roberto Drago, esperto creatore di profumi, in un’occasione unica per scoprire la genesi e le caratteristiche delle fragranze.

Sarà infine la vista a concludere il percorso attraverso i 5 sensi, con lo spettacolo Oggi dono io, realizzato da I giovani per Carpi, che animerà la mattinata di sabato 6 ottobre, a partire dalle 10.30 presso il Teatro Comunale, con una messa in scena dedicata agli studenti. L’evento sarà poi ripetuto alla sera, dalle 21, e aperto, in questa occasione, a tutta la cittadinanza.

Sabato, alle 15, prenderà avvio, in piazza Martiri, Puliamo il mondo, la consueta iniziativa di Legambiente Carpi per pulire insieme i luoghi pubblici del territorio. Alle 17.30 le squadre di partecipanti potranno assistere a Eppure Soffia, spettacolo di danza, narrazione e canti a cura di Elisa Lolli, per poi concludere, verso le 18.30, al Circolo Bruno Losi, con un rinfresco a base di gnocco fritto e bibite.

Sempre sabato, dalle 16 alle 19 si terrà, presso al Saletta della Fondazione CR Carpi in corso Cabassi, l’incontro 1973-2018 Buon Compleanno Aido, per celebrare i 45 anni dell’Associazione Italiana per la Donazione di Organi, Tessuti e Cellule. Questa sarà l’occasione per discutere sull’importanza della donazione degli organi post mortem e dell’iniziativa Una Scelta in Comune, ovvero della possibilità di manifestare, all’atto del rinnovo del documento di identità, la propria decisione in tal senso. A confrontarsi saranno la presidentessa nazionale di Aido Flavia Petrin, Stefano Cresci e Marco Costantini, rispettivamente presidente della Sezione regionale e provinciale di Aido, Gabriella Sangiorgi, dell’Azienda Sanitario-Ospedaliera di Bologna e Responsabile del Centro di Riferimento Trapianti dell’Emilia-Romagna ed Eugenio Davolio dell’Aido di Carpi. 

A partire dal 1° ottobre sarà possibile recarsi presso il Borgogioioso portando un dono da regalare a qualcuno che non si conosce. Gli oggetti così ricevuti – che potranno anche consistere nel mettere a disposizione una propria abilità – saranno raccolti e, domenica 7 ottobre, per tutta la giornata, chiunque abbia donato potrà recarsi al centro commerciale per ritirare, munito di un apposito tagliando, la sorpresa lasciata da un altro, sconosciuto donatore. In questo modo sarà reso evidente, insieme simbolicamente e concretamente, il messaggio che tutti gli appuntamenti della Settimana hanno cercato di trasmettere: donare è un gesto disinteressato che implica tuttavia una circolarità. Donare è importante non soltanto per chi riceve, ma anche per chi, il dono, sceglie di farlo. 

Jessica Bianchi

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here