Le bici degli antichi mestieri nelle pagine di Mauro D’Orazi

0
312

Domenica 20 maggio, alle 11, presso la Libreria La Fenice, il carpigiano Mauro D’Orazi presenterà il suo nuovo libro Dònni a gh è al strasèer! Donne c’è lo stracciaio – Le biciclette dei tanti mestieri degli ambulanti. All’evento, presentato dal giornalista Ruggero Po, coordinatore del Tavolo del Dialetto e delle Tradizioni locali di Carpi, interverranno anche l’attrice Claudia Bulgarelli e la poetessa Luciana Tosi. L’ultima fatica di Mauro D’Orazi, scrittore e ricercatore di dialetto e tradizioni locali, è dedicata all’affascinante fenomeno delle bici dei mestieri ambulanti che interessarono le nostre contrade per buona parte del secolo scorso. L’autore ha impiegato sei anni di ricerche e di raccolta di materiali: scelte oltre 500 immagini che illustrano ben 200 tipi diversi di queste particolari biciclette e carrettini, che davano da vivere a tanta gente e portavano a domicilio beni e servizi spesso essenziali. Tra le più famose: la biici del mulètta (l’arrotino), dal magnaan (stagnino, saldatore, riparatore di oggetti di metallo), dal portapaan (il ragazzo che trasportava il pane fresco), dla latèera (la signora che portava il latte), d l umberlèer (l’ombrellaio), dal scarpulèin (riparatore di scarpe) ma anche quella dal giurnalèer con i quotidiani, dal prèet, dell’ostetrica, dal pustèin…
Un’opera preziosa anche per i collezionisti di questi mezzi: negli ultimi anni gli appassionati raccoglitori di questi cimeli sono infatti aumentati moltissimo e le quotazioni di antiche bici originali dei mestieri hanno raggiunto somme del tutto rispettabili.
Impreziosisce il libro la delicata e incisiva prefazione della carpigiana Alessandra Burzacchini scrittrice ed esperta di letterature, sua grande passione.  L’autore si è avvalso per la consulenza tecnica e storica dell’aiuto del collezionista Omar Maselli e delle preziose indicazioni di Anna Maria Ori e Lucia Armentano. Fondamentali poi gli archivi fotografici di Romano Cavaletti e Mauro D’Orazi.

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here